Notizie Locali


SEZIONI
Catania 34°

Nel Palermitano

Incidente Villabate, indagati i genitori di Aurora: entrambi avevano bevuto. Lo strazio di una zia: «Eri un angelo bello»

Indagini sono ancora in corso per stabilire l'esatta dinamica del sinistro. Secondo il padre si sarebbero rotti i freni dell'auto che è finita contro un muro

Di Redazione |

Sono indagati per omicidio stradale, dalla Procura di Palermo, i genitori di Aurora, la bambina di tre anni, che ha perso la vita nell’incidente avvenuto la notte tra sabato e domenica scorsi a Villabate. Entrambi sono stati trovati con un tasso alcolemico nettamente superiore ai limiti di legge: lui con 1,34 microgrammi per litro, lei con 1,25 milligrammi per litro. Secondo la loro ricostruzione, il padre era alla guida della Volkswagen Polo, senza patente e copertura assicurativa, che si è schiantata contro un muro. La donna aveva detto a una familiare di essere seduta dal lato del passeggero anteriore dell’auto tenendo la piccola tra le braccia, violando così le norme sulla sicurezza. Ma i Carabinieri, che indagano, vogliono essere certi che non ci fosse lei alla guida e che la piccola fosse tra le braccia del padre.

Il corpo di Aurora è nel reparto di Medicina legale del Policlinico in attesa dell’autopsia. E proprio per potere procedere a eseguire atti irripetibili, come l’esame medico legale, che la Procura di Palermo ha iscritti nel registro degli indagati entrambi i genitori nell’attesa anche di verificare l’esatta dinamica dell’accaduto. Secondo l’uomo, l’incidente sarebbe da collegare a un guasto della vettura, e più precisamente ai freni dell’auto che avrebbero improvvisamente smesso di funzionare quando l’auto era in prossimità di una curva, dove un muro in cemento sorregge un cavalcavia e incrocia una strada sterrata e dove l’auto è uscita di strada impattando violentemente. Sulla Volkswagen Polo al momento dell’incidente stradale c’era tutta la famiglia: oltre alla vittima e ai genitori, c’erano il gemello di Aurora e il fratello quattordicenne, che aveva da poco telefonato ai genitori perché era rimasto in panne col proprio scooter a Ficarazzi, a pochi chilometri da Villabate.

«Non può esistere consolazione per un dolore così profondo che ti attraversa il corpo e devasta l’anima», ha detto una zia della bambina che è deceduta. La donna ha affidato a Facebook un ricordo della piccola Aurora. «Una vita innocente e pura, una splendida principessa dai grandi occhi azzurri. È la tua fotocopia, mi dicevano. Il sole della famiglia non può spegnersi così. Ho sempre creduto in Dio, in un Dio buono che protegge… ma ultimamente alla luce di tutte le tragedie che accadono mi chiedo perché a rimetterci sono sempre più spesso i buoni e gli innocenti, perché questi non vengono protetti dal nostro Dio? Vivrai sempre nei nostri cuori, angelo bello».COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA


Articoli correlati