Notizie Locali


SEZIONI
°

MAFIA

La “postina” di Matteo Messina Denaro non risponde al Gip ma rilascia dichiarazioni spontanee: «Gli ho voluto bene, ma…»

Per i pm Martina Gentile sarebbe depositaria di molti segreti del boss mafioso ma nell’interrogatorio di garanzia si è avvalsa della facoltà di non rispondere

Di Redazione |

Martina Gentile, figlia della maestra Laura Bonafede l’amante storica di Matteo Messina Denaro, non ha risposto alle domande del gip durante l’interrogatorio di garanzia. Si è avvalsa della facoltà di non rispondere, ma ha fatto brevi dichiarazioni spontanee con le quali ha preso le distanze dal boss che la considerava come una figlia: «Da bambina gli ho voluto bene. Ma ora ho capito di aver sbagliato», ha detto.

Gentile, agli arresti domiciliari perché madre di una bimba di tre anni, risponde di favoreggiamento e procurata inosservanza della pena aggravati. Sarebbe stata una delle «postine» del capomafia latitante. Insieme a un’altra fiancheggiatrice del boss, Lorena Lanceri, anche lei ora detenuta, avrebbe gestito la corrispondenza da e per il latitante facendogli anche avere i messaggi della Bonafede, per anni amante di Messina Denaro e detenuta con l’accusa di associazione mafiosa. Gli scambi di pizzini avvenivano nello studio di un architetto ed ex assessore comunale che ora è indagato.

Gli incontri

Molto affezionata al padrino, che come detto la considerava come una figlia, l’avrebbe anche incontrato durante la latitanza come provano le immagini girate dalla polizia un mese prima dell’arresto di Messina Denaro. Le videocamere piazzate dagli inquirenti ripresero l’auto del capomafia passare davanti casa della donna e rallentare e la Gentile guardare il boss davanti l uscio. Una sorta di prassi che ricorreva e attraverso la quale Messina Denaro e l’indagata si tenevano in contatto. Le immagini non insospettirono però la polizia che pur teneva sotto controllo la Bonafede e la figlia.

Per i pm la ragazza avrebbe totalmente aderito alla «causa» del mafioso e sarebbe anche depositaria di molti suoi segreti. I magistrati, che stanno cercando di ricostruire la latitanza del capomafia, hanno accertato che la Gentile faceva per conto del padrino viaggi a Palermo e stanno tentando di scoprire se durante le sue «missioni» nel capoluogo consegnava messaggi ad altri favoreggiatori. La misura cautelare è stata notificata alla figlia della Bonafede nella sua casa di Pantelleria: la giovane stava facendo una supplenza in una scuola media dell’isola.COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA


Articoli correlati