Notizie Locali


SEZIONI
Catania 10°

CATANIA

Etna, che show: esplosioni, fontane di lave e cenere. Allerta rossa per il volo, ma l’aeroporto di Catania resta operativo

Il vulcano torna a dare spettacolo: l'eruzione visibile da tutto il comprensorio

Di Redazione |

Non si ferma l’attività stromboliana al cratere di Sud-Est dell’Etna con il vulcano che dalle 16.05 di oggi ha intensificato l’attività esplosiva e con il calar del sole è diventata visibile da tutto il comprensorio persino dalla Calabria. Si sono viste fontane di lava, colate di magma e nubi di cenere che si sono disperse in direzione Nord-NordEst.

L’attività esplosiva è accompagnata da un flusso lavico da tracimazione che si propaga nel versante meridionale del cono del cratere. Secondo le stime, le fontana di lava dal cratere di sud est hanno generato colonne di fuoco alte anche 5mila metri. La ricaduta della cenere è avvenuta sull’asse Fiumefreddo-Taormina.

Il tremore vulcanico

Secondo le osservazioni dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, Osservatorio etneo, di Catania. l’ampiezza media del tremore vulcanico continua a mostrare un andamento variabile nel tempo, con rapide oscillazioni tra il livello medio ed alto, con valori che dalle ore 16sono stati i più alti tra quelli registrati nelle ultime due settimane. Le sorgenti del tremore permangono nell’area del cratere di Sud Est alla profondità di circa 2800m sopra il livello del mare. A partire dalle ore 16 circa l’attività infrasonica è significativamente aumentata sia nel tasso di accadimento degli eventi che nella loro ampiezza; allo stato attuale essi raggiungono valori alti di intensità. Le sorgenti degli eventi infrasonici risultano localizzate nell’area del cratere di Sud-Est.

L’Ingv nel pomeriggio ha anche emesso un bollettino di allerta del volo, il Vona, di colore rosso. L’attuale fase eruttiva del vulcano attivo più alto d’Europa al momento non impatta con l’operatività dell’aeroporto internazionale Vincenzo Bellini di Catania. In serata il vulcano si è placato, con le lingue di fuoco che hanno smesso di “sputare” magma verso il cielo ma le colate sono ancora ben alimentate.COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA


Articoli correlati