Notizie Locali


SEZIONI
Catania 19°

RINVIO A GIUDIZIO

Maria morta dopo un piatto di spaghetti: la nipote Paola Pepe sarà l’8 luglio davanti alla Corte d’Assise di Catania

Il giallo siculo-veneto si alimenta di un altro capitolo giudiziario. La nipote è accusata di omicidio e circonvenzione di incapace col movente dell'eredità

Di Laura Distefano |

Evidenza della prova. Paola Pepe, la 58enne catanese accusata dell’omicidio della prozia Maria Basso, si dovrà presentare il prossimo 8 luglio davanti alla Corte d’Assise di Catania. La pm Michela Maresca e il procuratore aggiunto Sebastiano Ardita hanno chiesto e ottenuto il giudizio immediato per la donna.

La pensionata di Asiago, trasferita in fretta e furia da una clinica del Veneto a una struttura di Aci Castello, morì alla fine del 2022 dopo un pranzo a base di spaghetti triturati e un dolce. L’anziana soffriva di una patologia che non le permetteva di mangiare cibi solidi: quel pasto consumato con la parente avrebbe causato – secondo i periti della procura – una polmonite ab ingestis rivelatisi poi fatale. Paola Pepe è anche imputata per circonvenzione d’incapace: Basso cambiò il testamento pochi giorni prima del decesso, nominando la parente erede universale. La firma avvenne nella casa di riposo catanese dove era ospite l’ottantenne vicentina. E l’eredità sarebbe proprio il movente che secondo i giudici avrebbe spinto la nipote a ordire il piano per uccidere la zia.

Ai domiciliari

Paola Pepe, da mesi agli arresti domiciliari, con il braccialetto elettronico si è sempre dichiarata innocente. L’avvocato Carmelo Peluso ha sempre evidenziato che i rapporti tra Pepe e la prozia (che poi è cugina della mamma dell’imputata) erano di lunga data. E che considerava «Paola la figlia mancata». Sulle cause della morte, il penalista ha sempre avuto dubbi sulla ricostruzione offerta dalla procura.

Le indagini dei carabinieri partirono dopo la denuncia dei familiari di Maria Basso, allarmati dal mancato rientro in struttura dell’anziana e il frettoloso trasferimento in Sicilia. L’anziana affrontò un lungo viaggio in macchina, da Asiago ad Aci Castello. Un viaggio di sola andata.COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA


Articoli correlati