Notizie Locali


SEZIONI
Catania 35°

Cronaca

Mussomeli, spara e uccide la compagna e la figlia di lei: poi si toglie la vita

Di Redazione |

MUSSOMELI – Omicidio-suicidio nella notte a Mussomeli, in provincia di Caltanissetta. Un uomo di 33 anni, Michele Noto, ha ucciso la compagna di 48 anni, Rosalia Mifsud e la figlia di lei, Monica Diliberto, di 27.

All’origine della tragedia, secondo le prime informazioni, un amore non ricambiato. L’uomo, dopo la mezzanotte, avrebbe sfondato la porta dove abitavano le due donne, in via Santa Maria Annunziata, e dopo l’irruzione avrebbe aperto il fuoco prima verso la 42enne, poi nei confronti della figlia di quest’ultima. A quel punto avrebbe rivolto la rivoltella verso di sè, uccidendosi. A scoprire i corpi il figlio della donna uccisa. 

Sul posto sono arrivati i carabinieri, allertati dal figlio e fratello delle vittime. Quando gli uomini dell’Arma e il personale del 118 sono arrivati, tutti e tre erano già privi di vita.

Sono in corso indagini per stabilire l’esatta dinamica della tragedia e verificare il movente della tragedia. Pare che Michele Noto avesse avuto una breve relazione con Rosalia Mifsud, più grande di lui di vent’anni, ma che lei non voleva continuare. Per questo l’uomo avrebbe sparato alla donna, mentre Monica potrebbe essere stata uccisa solo perché presente in quel momento in casa, ma è possibile anche che l’abbia assassinata anche perché la giovane era sempre stata contraria a quella relazione.COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA


Articoli correlati