Notizie locali
Pubblicità

Cronaca

A San Cataldo un incendio minaccia le case, decine di persone evacuate

Sul posto tutto il personale dei vigili di Caltanissetta, in arrivo rinforzi. Due Canadair fanno la spola col mare antistante Agrigento

Di Redazione

Un vasto incendio sta minacciando le case a San Cataldo, in provincia di Caltanissetta. Sulla città si è formata un’enorme nube di fumo e la cenere piove sulle strade. Il fronte di fuoco va dalla zona Mimiani fino a lambire le abitazioni della periferia di San Cataldo e le contrade Palombara e Jannigreco. Fiamme vicine il palaMaira e l’hotel Helios.

Pubblicità

 

 

Decine di persone per precauzione sono state fatte allontanare dalle abitazioni perché l’enorme coltre di fumo sta rendendo l’aria irrespirabile. Sul posto stanno lavorando, tre squadre dei vigili del fuoco, vale a dire tutto il personale della sede centrale di Caltanissetta. Dalla centrale operativa dei vigili del fuoco si sta cercando di fare arrivare altri mezzi e uomini da altre sedi, probabilmente dal distaccamento di Mussomeli e dal comando di Enna.

Sul posto presenti anche due squadre della Forestale, pattuglie dei carabinieri, e i volontari delle Pantere Verdi. Stanno operando anche mezzi aerei: due canadair e un elicottero. I canadair hanno fatto la spola con la costa di Agrigento per caricare acqua da scaricare sulle fiamme. 

Dopo cinque ore l’incendio è stato spento. In fiamme circa 10 ettari di vegetazione. Un fronte di fuoco vastissimo quello che hanno dovuto fronteggiare i vigili del fuoco che da via Mimiani è arrivato fino alla periferia della città, minacciando le abitazioni del quartiere Santa Maria di Nazareth, il palazzetto dello sport e l’hotel Helios. 
E’ stata soccorsa una donna in tossicosi da fumo che ha poi deciso di raggiungere l’ospedale con mezzi propri. Sulla città si è formata un’enorme nube di fumo che ha reso l’aria irrespirabile. In serata l’incendio è stato finalmente domato e l'intera area bonificata.
 

 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: