Notizie locali
Pubblicità

Cronaca

Auto contro folla in Belgio, i cugini siculo-belgi Falzone rischiano l'omicidio colposo

Non è ancora chiaro chi tra i due cugini originari di Comitini fosse alla guida dell'auto di grossa cilindrata piombata addosso alle persone che stavano partecipando ad una manifestazione per il carnevale a Strepy-Bracquegnies (La Louvière)

Di Redazione

Era negativo al primo test dell’etilometro, effettuato sul posto, il conducente dell’auto di grossa cilindrata che ieri prima dell’alba ha travolto i partecipanti a una manifestazione per il carnevale a Strepy-Bracquegnies (La Louvière) nel Belgio vallone, causando 6 morti e 27 feriti. E’ quanto riferiscono i media belgi aggiungendo che l’informazione è stata confermata dal procuratore generale di Mons Ignacio de la Serna. Per il procuratore si tratta comunque del "presunto" conducente: oltre alle verifiche sull'auto iniziate questa mattina, sono in corso anche accertamenti per chiarire quale tra i due cugini italo-belgi, Paolo e Nino Falzone, entrambi originari di Comitini, fosse davvero alla guida. Si attende ancora di conoscere, invece, l’esito degli esami del sangue effettuati ieri ai due. 

Pubblicità

 

 

Secondo le indiscrezioni circolate questa mattina a uno dei due Falzone, ma non si sa quale, era stata sospesa la patente nel 2017 per dei "precedenti alla guida", riavuta dopo aver rifatto tutti gli esami per la patente con pratica, teoria, e test medici e psicologici.

 

 

Anche oggi il sostituto procuratore di Mons Damien Verheyen, ieri a La Louvière, ha ribadito che nessuno dei due cugini ha comunque precedenti penali. Per i due Falzone potrebbe venir formalizzata una accusa di omicidio colposo. Nel disastro sono rimaste uccise sei persone, tre delle quali originarie di Volturara irpina, comune in provincia di Avellino.

 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: