Notizie locali
Pubblicità
Pedopornografia, ufficiale della Guardia di Finanza arrestato da Procura Palermo

Cronaca

Beni per un valore di 7 mln di euro sequestrati ad imprenditore nel Trapanese

Le indagini, della Tenenza della Guardia di Finanza di Castelvetrano, hanno consentito di accertare l’esistenza di uno strutturato schema fraudolento, finalizzato alla commissione di reati in materia tributaria e penale

Di Redazione

La Guardia di Finanza di Trapani ha sequestrato beni immobili, disponibilità finanziarie e quote societarie per un valore complessivo di 7 milioni di euro riconducibili ad un imprenditore, operante nel settore della compravendita di beni immobili. Le indagini, condotte dalla Tenenza di Castelvetrano, hanno consentito di accertare l’esistenza di uno strutturato schema fraudolento, finalizzato alla commissione di reati in materia tributaria e penale (omessa dichiarazione dei redditi, sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte, trasferimento fraudolento di valori e autoriciclaggio), posti in essere dall’indagato di Castelvetrano. 

Pubblicità

Più nello specifico, le indagini hanno consentito infatti di acclarare come il compendio immobiliare, costituito da 74 fabbricati e terreni dislocati nel trapanese, dopo innumerevoli passaggi intercorsi tra 20 imprese italiane, confluiva, nel 2017, in una società dichiaratamente britannica e, nel 2020, ad una nuova impresa di asserito diritto inglese, artatamente intestata ad un libero professionista castelvetranese, connesso al principale attore della vicenda da risalenti legami di conoscenza personale e lavorativa. Evidenze che, riportate alla valutazione della Procura di Marsala, hanno determinato il gip all’emanazione del provvedimento cautelare odierno eseguito dalla Guardia di Finanza, con il quale si è ordinato il vincolo preventivo, finalizzato alla confisca, di disponibilità immobiliari nei confronti della new company e di quattro indagati.

In particolare, nel corso degli accertamenti, i militari delle Fiamme Gialle hanno individuato due società con sede a Londra, ma di fatto operanti sul territorio nazionale, che erano indirettamente riconducibili all’imprenditore che, mediante numerosi passaggi di proprietà di beni immobili, frutto del mancato pagamento di imposte, tra società costituite ad hoc aveva intestato, in un primo momento, l’ingente patrimonio illecitamente accumulato ad una delle due società estere per poi procedere ad un nuovo passaggio di proprietà di detti beni ad altra società, sempre di diritto estero, allo scopo di preservare i beni da ogni pretesa da parte dell’Erario e, nel contempo, evadere il pagamento delle imposte gravanti sugli stessi. 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA