Notizie locali
Pubblicità

Cronaca

Caltagirone, torna a vessare la sua ex dopo aver scontato la condanna per stalking: nuovamente arrestato

La donna ha denunciato nuovamente l'uomo che era tornato all'attacco telefonate, appostamenti e condotte violente

Di Redazione

Era già stato condannato per stalking ed era stato in carcere per la sua condotta persecutoria nei confronti della ex. Ma appena scontata la condanna è tornato all'attacco dei quelal che lui considerava la sua "preda". Ma su disposizione della Procura della Repubblica di Caltagirone, personale del locale commissariato di polizia  hanno dato esecuzione a una nuova ordinanza di  custodia cautelare in carcere nei suoi confronti, emessa dal Gip presso il Tribunale: in cella è finito un 50enne calatino, indagato per i reati di atti persecutori e tentata violenza privata.

Pubblicità

II provvedimento dell'Autorità Giudiziaria trae origine dalla querela sporta dall'ex compagna dell'uomo, già destinatario del provvedimento di ammonimento emesso dal Questore della Provincia di Catania. Numerose le violenze denunciate dalla vittima, colpita da reiterate condotte vessatorie. L'uomo come detto aveva da pochi mesi terminato di scontare una condanna definitiva per atti persecutori, sequestro di persona e lesioni aggravate ai danni della stessa donna.

Terminata la pena, tuttavia, a causa della irrefrenabile e sfrenata gelosia e possessività, avrebbe continuato a tormentare l'ex convivente con continue telefonate e richieste di appuntamenti, appostamenti sotto casa e pedinamenti, gravi ingiurie e minacce di morte. In un'occasione, la donna, che continuava a rifiutare di riprendere la relazione sentimentale , era stata fermata per strada e afferrata con forza per il braccio per essere costretta a salire a bordo della macchina dell'ex, dopo che lo stesso aveva appreso della volontà della vittima di denunciarlo nuovamente. Cosa che poi ha fatto e che ha portato al nuovo intervento delle autorità.

L'uomo è stata rinchiuso nel carcere di Caltagirone.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: