Notizie locali
Pubblicità

Cronaca

Cane bruciato nel Messinese: taglia di 5mila euro sul colpevole

Zicka era un randagio che aveva comunque dei punti di riferimento. Alcuni cittadini hanno provato a soccorrerla ma purtroppo la gravità delle ustioni non le ha lasciato scampo

Di Redazione

«Ancora un atto di violenza inaudita nei confronti di un povero cane; Zicka è stata bruciata viva a Naso in provincia di Messina nella notte del 18 maggio ed è morta a causa delle bruciature che le avevano ustionato tutto il corpo», ricompensa di cinquemila euro per trovare il colpevole». Lo afferma l’Associazione italiana difesa animali ed ambiente (Aidaa) che ha presentato una denuncia alla Procura di Messina e promette una ricompensa a chi denuncerà l’autore. 

Pubblicità

«La storia di Zicka - si legge nella nota - è come quella di tanti altri cani di quartiere della Sicilia, un animale che aveva dei punti di riferimento ma che abituata alla vita libera non accettava di essere rinchiusa o di vivere la sua vita in un giardino ed in una casa. E proprio la sua voglia di libertà - ricostruisce l’associazione - deve aver dato fastidio a qualcuno che ha compiuto contro di lei uno dei crimini peggiori possibili. L’ha bruciata viva, avvolta nelle fiamme. Grazie all’intervento delle persone che la amavano la piccola era stata ricoverata quella notte stessa in una clinica, ma purtroppo non ce l’ha fatta e ieri è morta». 

«Solo una mente sadica può avere ordito e compiuto un crimine simile- prosegue la nota - noi ringraziamo innanzitutto i volontari dell’associazione Musetti Randagi che hanno seguono con fatiche inenarrabili decine di cani di strada nella zona e che si sono presi a cuore la vicenda di Zicka, noi come associazione abbiamo deciso di presentare una denuncia alla procura di Messina e di mettere una taglia di 5.000 euro sulla testa di questo criminale, taglia che pagheremo a chi con le sue informazioni rese sotto forma di denuncia scritta alle autorità che stanno seguendo questo caso aiuteranno a individuare ed assicurare alla giustizia dopo sentenza definitiva il responsabile o i responsabili di tale atto criminale».  
 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: