Notizie locali
Pubblicità

Cronaca

Carenze sanitarie e niente norme anti-Covid in bar e ristoranti: raffiche di multe alle Eolie

I controlli dei carabinieri in quasi tutte le isole dell'arcipelago. Trovati anche alimenti in cattivo stato di conservazione

Di Redazione

Nei giorni scorsi i Carabinieri della Compagnia di Milazzo hanno effettuato nell'arcipelago delle Eolie, dei servizi straordinari di controllo del territorio, in concomitanza dell'incremento delle presenze turistiche nel mese di agosto, predisponendo con l'ausilio delle componenti specialistiche dei Carabinieri del Nucleo Antisofisticazione e Sanità di Catania mirati controlli agli esercizi pubblici.

Pubblicità

Nell'ambito dei servizi di controllo alle attività economiche:

a Lipari, i Carabinieri della locale Stazione, coadiuvati dal personale del N.A.S. di Catania, hanno accertato violazioni amministrative sotto il profilo igienico-sanitario nei confronti di sette attività economiche, due bar, due ristoranti, due gelaterie ed uno stabilimento balneare, sequestrando 14 kg di pesce per il quale non era garantita la prescritta filiera di tracciabilità degli alimenti, elevando numerose sanzioni amministrative. Inoltre, i Carabinieri hanno deferito in stato di libertà all’autorità Giudiziaria, il titolare di un bar per il reato contravvenzionale di inosservanza dei provvedimenti dell’Autorità, poiché aveva organizzato un’esecuzione di musica dal vivo senza rispettare le condizioni previste dalle restrizioni volte a limitare la diffusione del covid-19, violando pertanto anche una specifica ordinanza sindacale. Infine uno stabilimento balneare è stato chiuso dopo aver accertato la presenza di circa 500 persone che creava assembramento;

a Vulcano, i Carabinieri della locale Stazione, coadiuvati dai tecnici dell’A.S.P. di Messina, hanno deferito in stato di libertà i titolari di sei esercizi pubblici di somministrazione di alimenti, poiché ponevano in vendita alimenti surgelati senza indicarlo; inoltre, in due locali veniva riscontrato anche il cattivo stato di conservazione degli alimenti e in un panificio sono state accertate gravi carenze sotto il profilo strutturale, manutentivo ed igienico-sanitario. Sono state elevate numerose sanzioni amministrative, ponendo sotto sequestro 145 kg di derrate alimentari, e, per cinque dei sei locali, è stata anche disposta dalla A.S.P. di Messina la chiusura temporanea. Inoltre, i Carabinieri hanno deferito in stato di libertà per apertura abusiva di luoghi di pubblico spettacolo o trattenimento e disturbo delle occupazioni e del riposo delle persone due titolari di un bar, poiché, senza averne titolo, avevano organizzato eventi di trattenimento danzante e discoteca in mancanza di titolo autorizzatorio, anche arrecando disturbo al riposo delle persone, con contestazione della violazione delle misure volte a limitare il contagio da covid-19;

a Salina, i Carabinieri della locale Stazione, coadiuvati da personale A.S.P. di Messina, hanno deferito in stato di libertà, per la violazione della disciplina igienica della produzione e della vendita delle sostanze alimentari e delle bevande e tentata frode in commercio, il titolare di un bar e rosticceria, per aver mantenuto alimenti in cattivo stato di conservazione, con contestuale sequestro di circa 30 chilogrammi di alimenti, nonché per aver tentato di somministrare prodotti surgelati come freschi; inoltre hanno accertato violazioni amministrative nei confronti di una donna, la quale esercitava abusivamente, presso il proprio domicilio, la vendita di capperi in assenza del titolo abilitativo necessario per la vendita di alimenti e bevande. Il titolare di un negozio di alimentari, il titolare di un ristorante e quello di un chiosco bar, sono stati sanzionati per gravi carenze riscontrate sotto il profilo strutturale, manutentivo ed igienico-sanitario, con l’applicazione di numerose sanzioni;

a Stromboli, i Carabinieri della locale Stazione hanno accertato un assembramento di oltre 400 persone all'interno di un locale, il quale nel rispetto delle norme sul contenimento della diffusione del covid-19 avrebbe dovuto avere una capienza massima di 100 persone, sanzionando il titolare e provvedendo alla chiusura del locale per tre giorni.

Nello specchio acqueo antistante l'arcipelago eoliano, l'equipaggio della Motovedetta CC N802 ha controllato diverse imbarcazioni, al fine di verificare il rispetto delle normative relative al Codice della Navigazione, nonché prevenire eventuali fatti.

A Santa Marina i Carabinieri i Carabinieri in stato di libertà un 25enne per ai fini di spaccio di sostanza stupefacente, poiché, sottoposto a controllo in quell'area portuale, veniva trovato in possesso di oltre 5 grammi di cocaina.

Anche sulla terraferma, nel corso servizi i Carabinieri della Compagnia di Milazzo hanno identificato13 persone, controllato 180 veicoli dei 4 esaminati 25 esercizi commerciali, effettuato 40 controlli domiciliari a persone sottoposte a restrizioni della libertà personale, segnalando alla Prefettura di Messina 11 persone quali assuntori di sostanze stupefacenti e sequestrando complessivamente circa 10 grammi tra marijuana, hashish e cocaina.

Inoltre, in ragione delle aggressioni e risse avvenute durante il periodo estivo, i Carabinieri della Compagnia di Milazzo hanno proposto l'irrogazione di 10 provvedimenti di “daspo Willy”, 7 fogli di via obbligatori, nonché un provvedimento di sospensione della licenza di un esercizio commerciale, in quanto luogo abituale di pregiudicato ed i cui avventori si sono resi responsabili di violenti episodi che hanno minato l'ordine e la sicurezza pubblica.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: