Notizie locali
Pubblicità

Cronaca

Catania, salvato un cane al quale era stata chiusa la bocca col nastro adesivo

Intervento dell'Unità di emergenza Lav insieme con vigili del fuoco, polizia municipale e soccorso veterinario

Di Redazione

Unità di emergenza Lav insieme a vigili del fuoco di Catania, polizia municipale e soccorso veterinario hanno salvato un cane con muso e zampe legate con lo scotch. L'animale era stato segnalato in mezzo ai rovi. I soccorritori si sono fatti spazio tra i rovi, per cercare il cane, dopo una segnalazione ricevuta.

Pubblicità

«Il cane, spaventato, è stato sottoposto alle prime cure veterinarie - afferma Beatrice Rezzaghi, responsabile Unità di Emergenza LAV - Ci siamo trovati di fronte a una scena che mai avremmo pensato di vedere, di autentica crudeltà, perché se non fossimo intervenuti in tempo il cane avrebbe rischiato di morire soffocato. Ricordiamo che il maltrattamento di animali è un reato che prevede la reclusione da 3 a 18 mesi o multa fino a 30.000 euro. Non denunciare simili violenze equivale a esserne complici, quindi ci auguriamo che l’omertà non prevalga su tanta efferatezza, da condannare senza se e senza ma: per questa ragione sporgeremo denuncia contro ignoti e ci auguriamo di poter contribuire ad assicurare alla giustizia questi malfattori».

 

 

Da giorni l'Unità di Emergenza LAV è operativa 7 giorni su 7, con la sua ambulanza, tra Catania e Siracusa per portare agli animali cibo e farmaci, dove c'è necessità, dopo la recente alluvione che ha colpito questi territori e grazie alla generosità di tante persone.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: