Notizie locali
Pubblicità

Cronaca

Catania: l'Etna si placa, l'aeroporto torna operativo ma resta la coltre di cenere

Strade ricoperte di sabbia e disagi alla circolazione: spazzatrici in azione in diversi Comuni ma è troppo poco 

Di Redazione

Come si era già capito ieri, Catania oggi si è risvegliata in "zona nera" proprio alla vigilia dell'arrivo della "zona bianca" che invece per quanto riguarda le misure antiCovid scatterà domani. Una spessa coltre di cenere vulcanica ricopre oggi la città dopo che ieri sera un'abbondante pioggia di sabbia dell'Etna è caduta copiosa a sud del vulcano durante il 40° parossismo del 2021.

Pubblicità

Un record per il vulcano attivo più alto d'Europa, ma anche un incubo per tanti catanesi e abitanti dei paesi etnei che si ritrovano a dover pulire un'altra volta case, strade spiazzi, terrazzi col terrore di una nuova fuoriuscita di cenere che vanifichi tutti gli sforzi.


L'Etna questa mattina appare certamente più calma, in nottata il parossismo è terninato cos' come le fontane di lava e l'emissione di cenere. E infatti a partire dalle ore 8 è tornato operativo anche l'aeroporto di Catania dopo che ieri sera la società di gestione dello scalo etneo, la Sac, era stata costretta a chiudere la pista ricoperta di sabbia nera. La Sac comunica però che potrebbero comunque verificarsi ritardi e i passeggeri sono pregati d'informarsi sullo stato del proprio volo con le compagnie aeree o sul sito ufficiale dello scalo, www.aeroporto.catania.it

La cenere è un problema per i privati ma anche per le istituzioni. Dove possibile sono già entrate in azione le spazzatrici, ma ci sono anche Comuni senza soldi che non riescono a farsi carico dell'onere della pulizia ed è comunque oggettivamente difficile ripulire tutte le strade, così si invita alla massima prudenza nella circolazione stradale per il concreto rischio di perdere il controllo del mezzo a causa della sabbia presente sull'asfalto.

In una nota, il Comune di Catania segnala che in città le spazzatrici sono entrare in azione all'alba di oggi le spazzatrici  ma raccomanda agli automobilisti e ai motociclisti «la massima prudenza, per il persistere di sabbia vulcanica sulle arterie stradali, che rende insidiosa la stabilità dei mezzi motorizzati, soprattutto di quelli a due ruote».

«Compatibilmente con l'evoluzione dei fenomeni vulcanici, nelle prossime ore verranno intensificati i servizi di rimozione della polvere dell'Etna negli spazi pubblici - è scritto ancora nella nota - Si raccomanda ai cittadini, infine, di depositare la sabbia vulcanica eliminata dagli spazi privati, in contenitori di piccole dimensioni, in prossimità dei cassonetti utilizzati normalmente per il conferimento dei rifiuti. Nella zona servita dal porta a porta, la cenere caduta su balconi, giardini o spazi condominiali dovrà essere sistemata in sacchetti di piccole dimensioni da esporre, con la frazione del vetro che andrà però disposta in contenitori separati.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA