Notizie locali
Pubblicità

Cronaca

Catania si lecca le ferite dopo il “tornado”: e anche oggi è prevista pioggia

Oggi scuole chiuse e parchi chiusi in città per fare le opportune verifiche  dei danni agli edifici, pubblici e privati e alle strade

Di Redazione

E' una città ”ferita” Catania dopo gli straordinari eventi atmosferici di ieri che hanno devastato la città e il suo hinterland. Tetti scoperchiati, alberi abbattuti e strade interrotte, auto in panne, pali della luce crollati, cornicioni pericolanti. È stato un temporale distruttivo durato circa 40 minuti con venti che soffiavano a circa 120/130 kmh. Si parlato di un ”tornado”, «ma non c'è stato nessun tornado o tromba d’aria - ha spiegato Valerio Leonforte, meteorologo di MeteoSicilia - si è trattati di un violento temporale accompagnato dai cosiddetti “venti di groppo”, fenomeno che in inglese si chiama downburst. I primi infatti tendono a fare danni ancora più rilevanti in zone però molto circoscritte, mentre quest’ultimo provoca danni estesi, com’è successo in questo caso a Catania e provincia e in altre parti dell’Isola».  

Pubblicità

Oggi scuole chiuse e parchi chiusi in città per fare le opportune verifiche  dei danni agli edifici, pubblici e privati e alle strade. Ci sono infatti tetti scoperchiati (anche dell’asilo nido di via Carlo Forlanini), alberi e pali dell’illuminazione pubblica abbattuti,  strade interrotte - come alcuni tratti della circonvallazione e l’Asse dei Servizi - auto in panne, cornicioni pericolanti, verande volate via anche da piani alti. Così come la copertura del PalaCannizzaro, in territorio di Aci Castello, completamente saltata.

Ma a Catania e provincia sono state diverse le strutture sportive danneggiate: in città campi sportivi  privati, per esempio quello della società La Meridiana. Abbattuto anche un enorme traliccio dell’alta tensione in via Amenano, al confine tra San Giovanni Galermo e Misterbianco (come si evince dalla foto nella nostra copertina).  A un gruppo di volontari della Protezione civile di Adrano è stata rubata una motosega mentre stava rimuovendo dei rami di alberi caduti su delle auto di piazza Montessori a Catania per il maltempo. Lo ha reso noto la Protezione civile regionale della Sicilia che definisce l'episodio «vergognoso» ed esprimendo «solidarietà» alle vittime del furto.

L’ondata di maltempo ha creato danni anche alle tensostrutture che ospitano l’area tamponi dell’hub di via Forcile e dell’aeroporto. In entrambi i casi l’attività è temporaneamente sospesa, ma dovrebbe riprendere nel pomeriggio. Proseguono regolarmente le vaccinazioni all’hub. Questa mattina il commissario per l’emergenza Covid, Pino Liberti, ha effettuato un sopralluogo e ha incontrato e ringraziato i lavoratori della Mondialpol, Ksm e Siciliapolice che nell’immediato dell’emergenza, anche se non rientra tra i loro compiti, si sono prodigati per evitare danni più seri. «Un plauso va alla protezione civile - spiega Liberti - che è già al lavoro per ripristinare le strutture danneggiate e consentire al più presto la ripresa dell’attività. L’area tamponi dell’aeroporto tornerà ad essere operativa dalle 13.30. In via Forcile si riprenderà nel pomeriggio o al massimo domattina. Attività regolare, invece, all’hub vaccinale».

 

 

Secondo il sindaco di Catania «ci sono certamente svariati milioni di euro di danni anche se ancora non c'è  una stima compiuta. Salvo Pogliese ha anticipato che chiederà al presidente della Regione Nello Musumeci di dichiarare lo stato di emergenza per trovare, insieme al governo nazionale, forme economiche risarcitorie per gli enti pubblici e le attività private danneggiate. Il sindaco inoltre si è sincerato delle condizioni dei feriti, sei in tutto, di cui uno con fratture a un arto, travolti dalla furia degli eventi atmosferici.

Danni sono stati registrati a diverse scuole, oggi tutte chiuse per precauzione su ordinanza del sindaco, come alla Manzoni-Diaz e l’asilo di via Carlo Forlanini, con tetti divelti. Lucernaio saltato alla Coppola, dove sono caduti anche degli alberi che bloccano l’accesso all’istituto. Strutture esterne danneggiate alla Nazario Sauro di via Torquato Tasso nel rione Nesima. Sopralluoghi sono in corso in tutte le strutture scolastiche della città.

«Danni importanti - ha aggiunto il sindaco - si sono verificati anche al tetto della piscina e nei campetti di Nesima, dove peraltro ci sono lavori di riqualificazione coi cantieri aperti dalla nostra amministrazione. Tanti i lampioni caduti e gli alberi sradicati. Ma è una conta in "progress" - ha sottolineato Pogliese - perché le richieste di intervento sono tante e si sta cercando di fare fronte per ripristinare condizioni di sicurezza. Danni rilevanti si registrano anche al porto e nel rione Librino».

 

 

«L'allerta meteo - si legge sulla sua pagina Facebook della Protezione civile regionale - era stata data con 24 ore di preavviso. I fenomeni violenti e improvvisi come quelli che stanno interessando tutta la Sicilia sono eventi estremi sempre più frequenti a cui bisogna essere preparati, attivando le procedure previste dai piani di protezione civile comunali e aggiornandoli per mantenerli sempre vivi e aderenti alle condizioni delle strade, degli edifici, e alle caratteristiche orografiche del proprio territorio. In queste ore si registrano allagamenti, pali della luce staccati e alberi sradicati in decine di comuni dell’isola».

 

 

«La Protezione Civile Regionale - prosegue la nota - segue le evoluzioni dei fenomeni tramite la Soris che da ieri effettua un monitoraggio preciso delle attività in campo, attivando anche numerosi gruppi di volontariato che stanno operando con dedizione per riportare la situazione alla normalità. Raccomandiamo alle amministrazioni comunali e alle autorità competenti di leggere gli avvisi meteo con attenzione. Si prega - conclude la nota - di non creare polemiche inutili; piuttosto chi è davvero motivato si iscriva al volontariato di Protezione Civile così potrà capire in prima persona come funziona il sistema e potrà dare il proprio contributo».  

 

 

E anche oggi è previsto maltempo su Catania. Le previsioni parlano di piogge in tutta la Sicilia del Sud-Est con fenomeni localmente anche di moderata o forte intensità.  Oggi «le precipitazioni saranno localizzate e a tratti intense - dice ancora Leonforte - ma non si ripeteranno  fenomeni estremi». Da domani «è previsto un calo delle temperature, soprattutto di notte, con minime di 15 e massime di 23 circa. Il tempo sarà abbastanza buono fino a venerdì, mentre il fine settimana è a rischio maltempo».

 

 

 

 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: