Notizie locali
Pubblicità

Cronaca

Colpì 19enne con spranga di ferro, aggressore lascia il carcere

 Mario Rubini, 21 anni, è accusato di avere colpito con una spranga un suo coetaneo di 19 anni, che rimase ferito, durante una discussione lo scorso 9 aprile 

Di Redazione

Ha lasciato il carcere e va ai domiciliari Mario Rubini, 21 anni, accusato di avere colpito con una spranga un suo coetaneo di 19 anni durante una discussione lo scorso 9 aprile a Palermo. Lo ha deciso il tribunale del riesame accogliendo la richiesta del legale della difesa, l'avvocato Vincenzo Pillitteri. Tutto è iniziato al Borgo Vecchio. Prima una lite verbale. Poi un appuntamento per chiarire la situazione in via Messina Marine davanti all’Eurospin. Rubini e il 19enne avevano avuto una relazione con la stessa giovane. L’aggressore quella notte davanti al supermercato avrebbe subito un agguato da parte di alcuni giovani, almeno sei, che avrebbero cercato di dare manforte al 19 enne. Rubini temendo di essere picchiato prese una spranga e colpì in testa il rivale. La vittima per alcuni giorni ha lottato tra la vita e la morte. Poi si è ripreso a tal punto che è stato già dimesso dall’ospedale e non è più in pericolo di vita. Quanto accadde quella notte è ancora al centro del lavoro degli agenti di polizia che stanno ancora indagando per cercare di ricostruire cosa accadde. 
 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: