Notizie locali
Pubblicità

Cronaca

Controlli dei Nas in diversi canili e gattili, sequestri e denunce a Catania e Palermo

Controlli nei canili pubblici e privati per accertare la corretta conduzione delle strutture e in particolare lo stato di benessere degli amici a quattro zampe. 

Di Redazione

I Carabinieri dei Nas - di concerto con il ministero della Salute, hanno eseguito un'intensa attività di controllo, che ha interessato l’intero territorio nazionale, nei
canili pubblici e privati per accertare la corretta conduzione delle strutture e in particolare lo stato di benessere degli amici a quattro zampe.

Pubblicità

I controlli hanno interessato anche due strutture siciliane a Catania e a Palermo. In provincia di Palermo sono stati sequestrati un canile e i 180 cani ospitati perché la struttura è risultata senza autorizzazione. Comminate al gestore sanzioni per 30.000 euro poiché 100 degli animali erano sprovvisti di "microchip identificativo". Il valore del canile ammonta a 100mila euro. Sempre nel Palermitano è stato denunciato il legale responsabile di un canile rifugio che ospitava 523 cani, a fronte dei 190 autorizzati dall'autorità sanitaria. Un altro controllo svolto in un altro ricovero per cani del Palermitano ha portato al suo sequestro perché attivata abusivamente e senza i necessari requisiti strutturali. Sono stati anche sequestrati 137 cani, quattro sprovvisti di "microchip identificativo". Sono state eseguite multe per complessivi 1.500 euro. Il valore della struttura ammonta a 200.000 euro circa.

 

 

Nel Catanese carabinieri dei Nas hanno segnalato alle competenti autorità sanitarie, provinciali e regionali, il titolare di un rifugio sanitario privato per presenza di cani in soprannumero rispetto a quelle autorizzate e per la mancanza di un idoneo locale per lo stoccaggio temporaneo delle carcasse, a garanzia della salubrità e del benessere animale. In un altro canile privato della provincia etnea è stato rilevato lo scarico incontrollato su terreno dei reflui provenienti dall'insediamento e la realizzazione di opere edili abusive, adibite a ricovero dei cani.La struttura è stata sequestrata e il titolare denunciato. 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA