Notizie locali
Pubblicità

Cronaca

Delitto Elena, legale della madre: «Ha già fatto dichiarazioni. Non so se colmerà "buchi"»

L'avvocato Gabriele Celesti lo ha affermato uscendo dal carcere di piazza Lanza a Catania, dove si era recato per incontrare la sua assistita, rea confessa dell'omicidio della figlioletta a Mascalucia. La giovane donna è guardata a vista 

Di Redazione

«La mia cliente so che sta bene, ma non ho potuto incontrarla perché è in isolamento fiduciario per le norme anti Covid, troveremo il modo di parlare, le farò una videochiamata». Lo ha affermato l’avvocato Gabriele Celesti uscendo dal carcere di piazza Lanza a Catania dove si era recato per incontrare la sua assistita, Martina Patti, la 23enne accusata dell’omicidio della figlia Elena, di 5 anni. La donna, che è in stato di fermo per omicidio premeditato pluriaggravato e occultamento di cadavere, è sorvegliata a vista nella sezione femminile della casa circondariale di piazza Lanza, è stata più volte chiamata in infermeria per il supporto psicologico, ma è serena e tranquilla. 

Pubblicità

«La signora ha già fatto dichiarazioni, ma non so se ha qualcosa da aggiungere. Questo lo approfondiremo e lo valuteremo. Se lei vorrà colmare alcuni "buchi" allora farà dichiarazioni aggiuntive. Ma potrebbe scegliere di non farle in questa fase e le farà più avanti. Valuteremo non appena avrò la possibilità di interloquire con lei», ha aggiunto l’avvocato Gabriele Celesti, parlando dell’interrogatorio di garanzia davanti al Gip per la convalida del fermo della sua assistita.

E si terrà domani, in carcere, l'interrogatorio di garanzia per la convalida fermo della giovane mamma. L’udienza è stata fissata per le 9.30 dal Giudice per le indagini preliminari Daniela Monaco Crea. Sempre domani, a partire dalle 8.30, sarà eseguita l'autopsia sul corpo della bambina nell’obitorio dell’ospedale Cannizzaro di Catania. La Procura e l’avvocato Gabriele Celesti, che difende la donna, hanno nominato i propri consulenti di parte. 
 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: