Notizie locali
Pubblicità

Cronaca

Direttore dei lavori di un cantiere chiede 100mila euro per gara d'appalto: arrestato

Aveva chiesto il denaro ad un imprenditore che lo ha denunciato alla Guardia di Finanza

Di Redazione

Pretendeva oltre 100 mila euro a titolo di tangente nell’ambito dell’esecuzione dei lavori di una gara d’appalto. Con questa accusa i militari del Comando provinciale della Guardia di Finanza di Messina hanno dato esecuzione stamattina ad un’ordinanza agli arresti domiciliari, emessa dal Gip di Patti, nei confronti del direttore dei lavori di un cantiere nel comune di San Marco d’Alunzio.

Pubblicità

L’uomo è indagato per tentata induzione indebita a dare o promettere utilità. Dalle indagini del nucleo Pef della guardia di finanza sono emerse le richieste di un ingegnere, con la qualifica di direttore dei lavori, che nell’ambito dei "lavori di consolidamento di un costone roccioso - a valle di via Cappuccini presso un cantiere del comune di San Marco D’Alunzio - oggetto di precedenti frane, abusando dei propri poteri a più riprese, ha preteso da un imprenditore somme di denaro, beni ed altre utilità, per fini strettamente personali in particolare, la corresponsione di oltre 100.000 euro a titolo di tangente». I lavori, in particolare, riguardavano la realizzazione di paratie in calcestruzzo, sostenuti con barre d’acciaio infisse nella roccia ed opere connesse dirette a consolidare un costone roccioso sito nel comune di San Marco D’Alunzio, già oggetto di precedenti frane. L’indagine è scaturita dalla denuncia presentata dall’imprenditore alla Guardia di Finanza di Sant'Agata di Militello. 
 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA