Notizie locali
Pubblicità

Cronaca

Disastro maltempo nella Sicilia orientale: strade allagate, auto sommerse e tratto dell'A18 chiuso

Nell'Isola è stata confermata l'allerta rossa anche per la giornata di domani. A Catania situazione particolarmente critica nel villaggio Santa Maria Goretti mentre lungo la Ct-Me è caduto un pesante masso all'altezza di Scaletta sulla carreggiata lato mare

Di Redazione

Il maltempo non lascia la Sicilia e dopo il vento ciclonico di ieri e l'allerta rossa di oggi, quest'ultima resta disposta dal bollettino della Protezione civile regionale anche per domani. Notevoli i disagi che si stanno verificando in particolare nella parte orientale dell'Isola. Uno dei centri più colpiti resta quello di Scordia che conta al momento anche una vittima, Sebastiano Gambera, e una dispersa, Angela Caniglia (si tratta della coppia di sessantenni che si trovavano a bordo di una Ford Fiesta. Erano rientrati in paese da una vista a un familiare malato a Catania quando sono scesi dalla loro auto e sono stati travolti dalla furia dell’acqua). Sempre nella cittadina del Catanese è anche crollata una parte di strada e il muretto di contenimento del torrente Cava, ingrossato dall'abbondante pioggia che continua a cadere.

Pubblicità

 

 

Non va meglio al villaggio Santa Maria Goretti di Catania dove il canale Forcile anche in questo caso il livello dell'acqua è stato "alzato" dal maltempo e a farne le spese sono le strade e le case che si trovano a ridosso, vie peraltro molto trafficate trattandosi di accessi al vicino aeroporto Fontanarossa.

 

 

Strade allagate anche nel quartiere di Librino. A causa dell’esondazione del fiume Simeto, questa mattina anche la strada statale 194 “Ragusana” è  rimasta chiusa al traffico in entrambe le direzioni dal km 0,300 al km 1,000 a Catania.

E anche l'autostrada Messina-Catania è chiusa da questo pomeriggio e lo resterà almeno sino al termine dell’allerta rossa. A disporlo è stato il Consorzio Autostrade Siciliane di concerto con le autorità di sicurezza dopo che nella mattinata di oggi, intorno alle 11.30, all’altezza di Scaletta, un masso dal peso di circa una tonnellata è caduto sulla carreggiata lato mare (l’unica aperta, a doppio senso di circolazione) da un costone dove insistono dei terreni privati. 

 

 

Dalle prime ricostruzioni sembra che il blocco di pietra sia rotolato dalla cima del rilievo a seguito dell’erosione dei terreni collinari (di proprietà privata) determinata dai forti temporali e dalle abbondanti piogge. Per un caso fortunato, in quel momento, non transitava alcuna auto e la grossa pietra ha centrato “solo” un cartello segnaletico. Sul posto sono intervenuti gli uomini della Polizia Stradale e dei Vigili del Fuoco, oltre ai tecnici del Cas che con l’ausilio di droni hanno eseguito rilievi ed indagini al termine delle quali hanno deciso la chiusura del tratto tra Messina e Roccalumera. È stato disposto, quindi, che le automobili provenienti da Catania dovranno osservare l’uscita obbligatoria a Roccalumera, mentre quelle provenienti da Messina dovranno utilizzare l’uscita di Tremestieri.

E anche per la giornata di domani, così come accaduto, oggi molti sindaci, a cominciare da quello di Catania, Salvo Pogliese, stanno predisponendo la chiusura delle scuole di ogni ordine e grado. Per quanto invece riguarda l'Università etnea per domani tutte le lezioni dei corsi di studio - incluse quelle nelle sedi decentrate di Ragusa e Siracusa - si terranno esclusivamente in modalità a distanza tramite piattaforma MS Teams. Le strutture dell'Ateneo rimarranno comunque aperte.

Le scuole poi saranno chiuse anche a Ragusa, Messina, Taormina e altri comuni della zona ionica e tirrenica del messinese. 

 

 

E sempre a Catania hub e punti vaccinali territoriali dell’Asp etnea resteranno chiusi anche domani per l’intera giornata in seguito al perdurare dell’allerta meteo diramata dalla protezione civile regionale. Sospeso il servizio tamponi drive in sia a Catania che ad Acireale. Rinviati anche i tamponi di fine isolamento programmati per le classi scolastiche in quarantena. "A tutela degli utenti e degli operatori sanitari - spiega il commissario per l’emergenza Covid, Pino Liberti - siamo costretti a chiudere gli hub e i punti vaccinali anche domani. Ci scusiamo per il disagio, ma è nostro dovere garantire il servizio in condizioni di sicurezza. Le avverse condizioni atmosferiche, purtroppo, al momento non lo consentono». Gli utenti prenotati per la somministrazione del vaccino, potranno presentarsi direttamente negli hub e nei punti vaccinali territoriali non appena saranno nuovamente operativi. Non è necessario fare una nuova prenotazione».

Previsioni: Il meteo di domani in Sicilia prevede precipitazioni diffuse, a prevalente carattere di rovescio o temporale, sui settori orientali, con quantitativi cumulati da moderati ad elevati, fino a puntualmente molto elevati. Da sparse a diffuse, a prevalente carattere di rovescio o temporale, sulle restanti zone, con quantitativi cumulati generalmente moderati. I venti saranno da forti a burrasca dai quadranti orientali sui settori orientale e meridionale e localmente forti settentrionali sulle restanti zone. Mari: agitato lo Ionio; generalmente molto mossi i restanti bacini 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: