Notizie locali
Pubblicità

Cronaca

Disposta l'autopsia sulla donna morta all'ottavo mese di gravidanza e sulla bimba che aveva in grembo

I medici del Buccheri La Ferla hanno fatto nascere la piccola con un cesareo d'urgenza ma anche per lei non c'è stato nulla da fare

Di Redazione

E’ stata disposta dalla procura l'autopsia sul corpo di Caterina Todaro, 38 anni, la donna all’ottavo mese di gravidanza trovata in gravissime condizioni in casa dal marito, in via Antonio Vian, a Palermo. L’esame sarà eseguito anche sul corpo della bimba che ieri i medici del Buccheri La Ferla hanno fatto nascere con un cesareo ma che è morta poco dopo. 

Pubblicità

I sanitari del 118, chiamati dal marito del donna e arrivati con il medico rianimatore, avevano fatto di tutto per salvarla, ma non c'è stato nulla da fare. Le indagini sono condotte dai carabinieri. 

Secondo una prima ricostruzione la morte potrebbe essere stata provocata da un malore. La donna è stata trovata svenuta in casa. "Dispiaciuti e addolorati per la morte della giovane mamma, nell’esprimere la vicinanza alla famiglia e porgerle le più sentite condoglianze - dicono dall’ospedale Buccheri La Ferla - Allertati dal 118, i sanitari hanno fatto un tentativo estremo per salvare la neonata, sottoponendo la paziente a un taglio cesareo di urgenza che purtroppo non ha avuto un esito favorevole. Sarà l’autorità giudiziaria a far luce sulle cause dei decessi attraverso gli opportuni accertamenti». 

 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA