Notizie locali
Pubblicità

Cronaca

Emergenza rifiuti a Catania, la citta invasa da cumuli: è già allarme sanitario

Situazione difficile in città ma anche nei 140 comuni delle province di Catania, Siracusa e Messina che smaltiscono nell'impianto di Lentini

Di Cesare La Marca

L’emergenza ambientale e a questo punto anche sanitaria è ormai conclamata in città, dove dopo quattro giorni di conferimenti ridotti nella discarica di Grotte San Giorgio - a causa dell’esaurimento dell’impianto - si sono accumulate ben oltre 600 tonnellate di rifiuti, stipate nei camion della Dusty e dentro e attorno i cassonetti.

Pubblicità

Oggi un’altra giornata critica con lunghe file di camion in attesa davanti ai cancelli dell’impianto, che ha ridotto il conferimento giornaliero a un totale di 600 tonnellate di indifferenziata, per ben 148 comuni delle province di Catania, Siracusa ed Enna.  

 

 

Ai rifiuti “arretrati” rimasti venerdì' sui camion in coda davanti ai cancelli dell’impianto di Lentini - duecento tonnellate delle cinquecento prodotte ogni giorno solo da Catania - si è già aggiunta una parte di quelli prodotti nel fine settimana ieri, mentre la disponibilità di mezzi vuoti per nuovi carichi si è intanto ridotta, e l’intero ciclo di raccolta è vicino al tracollo. 

Il fragile equilibrio che ha permesso di superare in qualche modo l’estate, in attesa di soluzioni che ancora non s’intravedono - a parte la prospettiva di “esportare” i rifiuti fuori Sicilia a costi più che triplicati - è sul punto di saltare sotto il peso dell’eccessiva quantità di indifferenziata e della carenza di impianti, che sta mettendo alle corde oltre al capoluogo i 140 comuni delle province di Catania, Siracusa e Messina che smaltiscono nella discarica di Lentini. 

 

 

La città di Catania è letteralmente invasa da cumuli di immondizia che con il caldo di questi giorni potranno presto generare anche problemi sanitari.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA