Notizie locali
Pubblicità

Cronaca

Femminicidi e violenza sulle donne: i record negativi della Sicilia

Tante manifestazioni oggi nell'Isola della giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne.

Di Redazione

«La Sicilia è purtroppo una delle regioni in cui il fenomeno è più incidente. Il problema dei femminicidi ci attanaglia ed è un fenomeno che dobbiamo contrastare e contenere. Noi della direzione centrale anticrimine della polizia abbiamo ritenuto di richiamare l’attenzione grazie a questo evento". Sono le parole pronunciate l'altro ieri a Catania da  Francesco Messina, direttore centrale anticrimine della polizia di Stato, in occasione della presentazione della campagna contro i femminicidi, denominata "Questo non è amore", in vista ella giornata odierna contro la violenza sulle donne.

Pubblicità

Su 94 femminicidi avvenuti nel 2021 in Italia ben 12 si sono consumati in Sicilia. 

Tra l'altro Il tasso più alto di donne che si rivolgono alle forze dell’ordine per le richieste di ammonimento si registra nelle regioni del sud, in particolare in Sicilia  (172 ogni 100mila abitanti). E proprio per questo, da Catania, città scossa nel recente passato da alcuni gravi episodi di femminicidio, sottolineano dalla polizia, "è necessario dire basta".

 

 

Parlando sempre dei record negativi dell'Isola, la Sicilia registra anche il maggior numero di violazioni del Codice rosso. Nello specifico, dal 1gennaio al 31 ottobre 2021 sono aumentati del 10% le violazioni dei provvedimenti di allontanamento dalla casa familiare e dei divieti di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa (da 1.584 a 1.740). Dall’entrata in vigore del Codice rosso sono stati 4.234 i casi di violazioni in tutta Italia, in particolare Sicilia (585), Lazio (452), Lombardia (398), Piemonte (386) e Campania (340) sono le regioni con il maggior numero di violazioni.

Oggi tante le manifestazioni in tutta la Sicilia per la Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne.

 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: