Notizie locali
Pubblicità

Cronaca

Frode nel turismo a Portorosa, soldi pubblici a società "fantasma" di noleggio barche

Denunciati dalla Guardia di Finanza 3 imprenditori che aveva messo su un sistema per ottenere congtributi a fondo perduto senza averne diritto

Di Redazione


Un articolato sistema di frode finalizzato ad ottenere fondi pubblici nel settore del turismo è stato scoperto dai finanzieri del Comando provinciale di Messina che hanno eseguito un’ordinanza di misura cautelare personale e reale, emessa dal gip del tribunale di Barcellona Pozzo di Gotto, e notificato a tre imprenditori l’interdizione dall’esercizio dell’attività di impresa e professionale per un anno. Sequestrati anche beni e denaro per un valore di 135 mila euro.

Pubblicità

Le indagini, coordinate dal procuratore capo Emanuele Crescenti e dal sostituto Veronica De Toni, si sono concentrate su una società di Portorosa attiva nel settore turistico-marittimo e che aveva richiesto ed ottenuto un finanziamento agevolato di 134.959 euro. La società, sottolineano gli investigatori «risultava priva di qualsiasi struttura logistica e predisposta al solo fine di accedere alle linee di credito destinate a sostenere lo sviluppo di piccole attività imprenditoriali ad opera di disoccupati o persone in cerca della prima occupazione: agevolazioni finanziarie consistenti in contributi a fondo perduto e mutui a tasso agevolato, gestiti dalla società pubblica Invitalia Spa».

In particolare, i tre imprenditori destinatari della misura interdittiva avrebbero, tramite questa società, presentato un progetto d’investimento finalizzato al «noleggio imbarcazioni con skipper o senza skipper, gite turistiche ed escursioni giornaliere con skipper», da sottoporre al vaglio dei funzionari di Invitalia.

Per dimostrare l'effettività dell’investimento, i tre avrebbero falsificato l'autorizzazione di agibilità di un immobile falsificando il logo del Comune di Furnari e producendo un falso contratto di locazione. I fondi illecitamente acquisiti venivano utilizzati per l’acquisto di 5 imbarcazioni di diverse dimensioni, concesse in affitto ad un’altra impresa, in violazione degli obblighi scaturenti dai termini contrattuali convenuti con Invitalia. Una struttura "ben organizzata e programmata con elementi propri di una certa professionalità", sottolinea il gip che definisce la società oggetto di indagine "un mero strumento nelle mani degli indagati per ottenere il finanziamento a fondo perduto". 
(Man/Adnkronos) 
 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA