Notizie locali
Pubblicità

Cronaca

Fumo dal cratere, sale la preoccupazione a Vulcano e “piovono” massi sulla via di fuga

In arrivo dall'Etna anche una sofisticata strumentazione per monitorare la situazione

Di Redazione


A Vulcano continua a essere intenso il fumo che fuoriesce dal cratere e tra gli isolani c'è una certa preoccupazione. Per la ristoratrice di contrada Gelso, Rosalba Basile, «in caso di pericolo vulcanico la strada che conduce al porto, voluto dalla Protezione civile, è una via di fuga; ma proprio sulla provinciale "piovono" massi e ad oggi non c'è stato alcun intervento. L’unica novità è che si è iniziato a mettere in sicurezza il pontile disastrato di Ponente che dovrebbe essere utilizzato come scalo alternativo». 

Pubblicità

«I tecnici della Città metropolitana hanno già fatto un sopralluogo - spiega l’assessore al decentramento Massimo D’Auria - La competenza è loro. Una ricognizione è stata anche fatta dal responsabile provinciale della Protezione civile. Noi abbiamo già sistemato il pontile che è operativo. Attualmente stiamo aggiornando il piano comunale da sottoporre alla Protezione Civile e si stanno aspettando risposte dal mondo scientifico. In settimana monteranno altre strumentazioni e si faranno altri rilievi dall’Ingv e dal Cnr. Si attendono queste attività di monitoraggio per riferire al dipartimento di Protezione Civile. Abbiamo anche appreso che è in arrivo una strumentazione sofisticata attualmente montata sull'Etna». 


 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA