Notizie locali
Pubblicità

Cronaca

Gestione illecita dei rifiuti all'ombra della mafia: arresti e sequestri nel Palermitano

Gli amministratori di tre società che si occupavano della raccolta a Partinico, San Giuseppe Jato e San Cipirello accusati di bancarotta fraudolenta, intestazione fittizia di beni e riciclaggio

Di Redazione

Illeciti nella gestione dei rifiuti nel palermitano all’ombra della mafia. I carabinieri e i finanzieri del comando provinciale hanno eseguito un’ordinanza cautelare ai domiciliari per tre amministratori di diritto e di fatto di imprese che si sono occupate della raccolta dei rifiuti nei comuni di Partinico, San Giuseppe Jato e San Cipirello. Per un altro amministratore di diritto e socio delle società è scattato l’obbligo di dimora mentre per un dipendente del Comune di Partinico è stata disposta la misura di sospensione dall’esercizio pubblico. Sono tutti accusati a vario titolo di bancarotta fraudolenta, intestazione fittizia di beni e quote societarie, inadempimento di contratti per pubbliche forniture, utilizzo di fatture per operazioni inesistenti, riciclaggio e autoriciclaggio. 

Pubblicità

 L’operazione, denominata Cogenesi e coordinata dalla procura, ha portato al sequestro di beni per 2,5 milioni. Le imprese del settore dei rifiuti, finite nell’inchiesta, erano state già destinatarie di provvedimenti interdittivi antimafia perché avrebbero avuto collegamenti con esponenti mafiosi del mandamento di San Giuseppe Jato. Tutti e tre le amministrazioni comunali sono state sciolte per infiltrazioni mafiose.

Le indagini sono iniziate a settembre del 2018 dopo un attentato incendiario nel quale furono distrutti mezzi e strutture dell’autoparco del Comune di Partinico. Le indagini dei carabinieri di Partinico, anche grazie alle intercettazioni, avrebbero accertato che le fiamme furono appiccate a ridosso di una procedura di affidamento per il nolo dei mezzi destinati al servizio di raccolta dei rifiuti che l’Ente locale aveva aggiudicato alla Cogesi srl.

Secondo quanto accertato dai carabinieri esisteva una presunta connivenza tra il dipendente comunale e gli amministratori di diritto e di fatto dell’azienda. L’impiegato comunale avrebbe omesso contestazioni per gravi inadempimenti contrattuali (dovuti al nolo di mezzi in misura inferiore a quella dichiarata, nell’impiego di mezzi privi di revisione e/o non iscritti all’Albo dei Gestori Ambientali), le mancate messa in mora e risoluzione del contratto nei confronti della Cogesi Srl e l’omessa comunicazione all’Anac della prematura interruzione del rapporto contrattuale. Controlli poi eseguiti dagli agenti della polizia municipale disposti dal sindaco Maurizio De Luca che poi si dimise. 

Inoltre, i finanzieri hanno constatato che gli indagati hanno distratto l’intero patrimonio aziendale della Cogesi Srl, portandola al fallimento, «reinvestendo» i capitali per il soddisfacimento di interessi personali come l’acquisto di immobili e beni di lusso (tra cui imbarcazioni, orologi e supercars) e costituendo la nuova Eco Industry srl con sede in San Giuseppe Jato (Pa). 

Con lo stesso provvedimento il gip ha disposto il sequestro preventivo finalizzato alla confisca dei profitti derivanti dalla bancarotta fraudolenta e dall’utilizzo di false fatturazioni, del complesso aziendale della Eco Industry, di un immobile situato a San Cipirello e di due autovetture di lusso tra cui una Ferrari, per un valore complessivo di oltre 2 milioni e mezzo di euro. 

Nell’operazione Cogenesi di carabinieri e guardia di finanza sono finiti ai domiciliari Stefano Lo Greco, 36 anni, Michele Lo Greco, di 30, e Valentina Mangano, di 27. Il giudice per le indagini preliminari ha anche applicato, su richiesta della Procura della Repubblica di Palermo, l’obbligo di dimora ad un altro amministratore, Vincenzo Lo Greco, 71 anni e la sospensione del servizio a Giuseppe Gallo, dipendente del Comune di Partinico.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA