Notizie locali
Pubblicità

Cronaca

I giudici: "Brusca socialmente pericoloso"

Sorveglianza speciale per il collaboratore di giustizia, scarcerato un anno fa dopo 25 anni dal suo arresto. Fu lui a premere  il telecomando a Capaci e ad uccidere il piccolo Di Matteo

Di Redazione

L’ex boss Giovanni Brusca, da anni collaboratore di giustizia, scarcerato un anno fa, sarà sottoposto alla sorveglianza speciale perché ritenuto socialmente pericoloso dalla sezione misure di prevenzione del tribunale di Roma. Lo scrive l’edizione palermitana de La Repubblica. 
 La notizia è stata confermata da fonti investigative. 
 La scarcerazione di Brusca, l’uomo che azionò il telecomando a Capaci e che uccise il piccolo Giuseppe Di Matteo, autore di decine di omicidi, venne accolta da violente polemiche. L’ex boss fu liberato per espiazione della pena dopo 25 anni dal suo arresto.
 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: