Notizie locali
Pubblicità

Cronaca

Il terreno smotta ancora a Polizzi Generosa: case evacuate e strada statale chiusa

L'allarme del sindaco Gandolfo Librizzi che parla di una situazione che si fa sempre più seria

Di Redazione

Ancora emergenza frane a Polizzi Generosa. Uno smottamento del terreno sta minacciando diverse abitazioni e la strada statale 643 che attraversa il centro abitato e collega con Scillato e lo svincolo autostradale della Palermo- Catania. Diverse case sono state evacuate e per quattro persone l’amministrazione comunale, guidata da Gandolfo Librizzi, è stata costretta a trovare degli alloggi alternativi. Anche la statale per precauzione è stata chiuda al traffico. Oggi pomeriggio la situazione è precipitata con i primi crolli: a venir giù un vecchio magazzino, ma la paura è che l’effetto domino possa coinvolgere altre abitazioni che si trovano a monte del quartiere dove vivono molte famiglie. «Ci siamo subito attivati e da tre giorni monitoriamo continuamente i luoghi - ci dice Librizzi - siamo in contatto costante con il dipartimento della protezione civile regionale e Prefettura, abbiamo fatto diversi sopralluoghi, e recuperato immagini dall’alto con il drone, la situazione è drammatica, molto preoccupante la frana interessa sia la statale 643 sia alcune abitazioni per un fronte di 150 metri. Con un provvedimento d’urgenza abbiamo evacuato 4 persone compreso il parroco e chiuso la statale, ho anche scritto a tutte le autorità competenti chiedendo che venga dichiarato lo stato di emergenza». 

Pubblicità

«La situazione è molto seria. Ci sono trenta abitazioni in preallarme che stiamo monitorando giorno per giorno. Al momento abbiamo dovuto chiudere al transito l’unica arteria la statale 643 che consente il traffico veicolare. Un gravissimo problema per le aziende e per il Comune. Un solo esempio. I mezzi dell’Ama che si occupano della raccolta dei rifiuti non possono arrivare in paese. Al momento abbiamo trovato una via alternativa solo per le auto. Ma la situazione al momento è davvero drammatica», aggiunge l'assessore all’Ambiente Gaetano Bellavia che oggi ha Palermo ha preso parte a diversi incontri per attivare la macchina di soccorso alla luce della frana. «Le cause, secondo quanto accertato in una prima fase dalla protezione civile e dai tecnici dell’Anas che hanno già fatto i sopralluoghi sono tre - aggiunge l’assessore - Un movimento franoso sulla roccia, le piogge abbondanti di questi mesi e gli incendi che hanno distrutto tanti ettari di bosco che garantivano la stabilità del suolo». A cadere in queste ore sono stati i magazzini di un supermercato che fortunatamente nel fine settimana era stato sgomberato. (ANSA). 
 


 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA