Notizie locali
Pubblicità

Cronaca

Il siero anti vipera del Cannizzaro salva un dodicenne in Calabria

Portato a Reggio Calabria grazie ad una staffetta della Polizia stradale. Il ragazzino ora sta bene

Di Redazione

Una fiala di siero antivipera fornita dal Pronto Soccorso dell'Ospedale Cannizzaro di Catania ha assicurato la possibilità di curare tempestivamente un 12enne ricoverato nel reparto di Pediatria dell'Ospedale di Polistena, in provincia di Reggio Calabria.

Pubblicità

La richiesta dell'antidoto è arrivata attraverso il 118, attivato per la ricerca presso varie strutture sanitarie in Sicilia. Il PS generale dell'Azienda Ospedaliera per l'emergenza, di cui è responsabile il dott. Antonio Di Mauro e coordinatore infermieristico il dott. Ivan Valenti, ha risposto positivamente alla richiesta del siero antivipera, di cui è opportunamente fornito in quanto talvolta deve essere somministrato a escursionisti morsi sull'Etna; la fornitura è assicurata dal servizio di Farmacia, che reperisce il farmaco sul mercato europeo.

Il trasporto urgente per il piccolo paziente calabrese è stato effettuato dalla Polizia Stradale di Catania in staffetta con quella di Reggio Calabria, su richiesta della Questura reggina.

«Dal reparto di Pediatria di Polistena un sentito ringraziamento all'Azienda Cannizzaro di Catania e alla Polizia Stradale per la disponibilità e la celere risposta alla richiesta di siero antivipera, non disponibile nella Regione Calabria», fa sapere la dott.ssa Laura Cassone, pediatra in servizio nell'ospedale di Polistena. Fortunatamente il bambino, monitorato attentamente in seguito al sospetto morso di vipera, ha mantenuto sempre parametri vitali stabili ed esami ematochimici nella norma e non è stato necessario somministrare l'antidoto.

«Siamo lieti di avere assicurato la possibilità di adeguato trattamento al piccolo paziente - dice il dott. Salvatore Giuffrida, direttore generale dell'Azienda Cannizzaro - grazie alla pronta risposta della nostra area dell'emergenza-urgenza, che ha attivamente collaborato con il servizio 118 e con la Polstrada per recapitare la fiala in tempo utile. Conforta sapere che il piccolo sta bene e potrebbe a breve concludere il periodo di osservazione».

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA