Notizie locali
Pubblicità

Cronaca

Imprenditore edìle nisseno evade imposte per 4,5 milioni: sequestro preventivo di beni

Nell’inchiesta sono indagate altre otto persone

Di Redazione

Un imprenditore di Gela, che opera nel settore delle costruzioni edili e dell’installazione di impianti, è stato arrestato dalla Guardia di finanza di Caltanissetta nell’ambito in un’inchiesta per presunte omissioni di versamenti d’imposta per oltre 4,5 milioni di euro. Nei suoi confronti è stata eseguita un’ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari emessa dal Gip su richiesta della Procura di Gela. 

Pubblicità

Nell’inchiesta sono indagate altre otto persone. Al commercialista delle due società al centro del provvedimento è stato imposto il divieto di esercitare attività di impresa e attività professionale in materia di consulenza fiscale per un anno. Ai due rappresentanti legali di altrettante imprese coinvolte nelle presunte attività illecite il divieto di esercitare gli uffici direttivi in imprese e società per un anno. Disposto anche il sequestro di beni per circa 4,5 milioni di euro. 

Secondo la Procura di Gela «l'ingente evasione fiscale" sarebbe stata realizzata con «l'indebita compensazione di tributi dovuti, realizzata tramite il ricorso all’istituto dell’Accollo Tributario, nonché mediante operazioni di compravendita di crediti iva risultati del tutto inesistenti, il tutto nell’ottica di omettere il versamento dei rilevanti debiti d’imposta ricorrenti nei confronti dell’Erario». Sul caso hanno indagato militari del Nucleo di Polizia Economico - Finanziaria di Caltanissetta.
 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: