Notizie locali
Pubblicità

Cronaca

Incidente mortale sul lavoro a Paternò, muratore perde la vita sotto un montacarichi

Angelo Aiosa, 61 anni, era titolare di una impresa edile. Nelle scorse elezioni era stato anche candidato al consiglio comunale

Di Mary Sottile

Nuovo incidente mortale sul lavoro in Sicilia. La tragedia questa mattina a Paternò, in via Erbe bianche. Il titolare di una ditta edile, Angelo Aiosa, 61 anni, paternese, è morto, a causa di un incidente sul lavoro. Non chiara la dinamica dell'accaduto, con l'indagine affidata ai carabinieri della Stazione di Paternò. Sotto accusa finisce un montacarichi che ha ucciso l'uomo. Aiosa  era un muratore esperto, eppure è rimasto vittima di questo incidente. L'uomo sarebbe prima precipitato a terra da un impalcatura e poi sarebbe rimasto schiacciato dal montacarichi.

Pubblicità

Aiosa nello scorso giugno era stato candidato nella lista '"Alleanza per Paternò" alle Comunali, prendendo 53 voti, a sostegno del candidato sindaco del centrodestra Alfio Virgolini. E quest’ultimo sulla propria pagina Facebook ricorda che «fino a ieri sera ridevamo e scherzavamo». «Stamattina il destino crudele - aggiunge - causa un incidente sul lavoro ha portato via Angelo Aiosa, un mio carissimo amico d’infanzia, candidato alle scorse amministrative, nonché organizzatore di eventi soprattutto nella sua amata piazza Tricolore».

Fermare la serie di incidenti sul lavoro.  È quello che chiedono i sindacati dopo la morte di Angelo Aiosa. «Con rabbia e dolore apprendiamo dell’incidente sul lavoro a Paternò che è costato la vita a un operaio edile, il sessantunenne Angelo Aiosa. Siamo certi che magistratura e forze dell’ordine faranno adesso luce su quanto avvenuto, ma servirebbe più prevenzione perché non si debba sempre e solo affidare ad accertamenti postumi la richiesta di verità e giustizia che viene dalle famiglie delle vittime», affermano Enza Meli e Nino Potenza, segretari generali di Uil e Feneal Catania, che aggiungono: «Prima che Stato e Regione si decidano a fare qualcosa, quanti altri morti di lavoro dovremo ancora piangere?», aggiungono. "Siamo sgomenti avendo appreso la notizia dell’ennesima tragica morte bianca sul lavoro nella nostra area metropolitana. Ancora una volta un lavoratore tristemente protagonista di una carneficina che anche dalle nostre parti non accenna affatto ad arrestarsi», dice il segretario territoriale della Ugl di Catania, Giovanni Musumeci.

«Confidando nell’operato delle forze dell’ordine per far piena luce sul grave fatto ed esprimendo ai familiari del lavoratore il più sentito cordoglio da parte della nostra organizzazione sindacale, non possiamo che rilanciare il nostro forte grido di allarme su un tema così delicato. Si deve lavorare per vivere e non vivere per lavorare, rischiando di poter diventare un caduto sull'altare del servizio», aggiunge. La Cgil e la Fillea Cgil di Catania si stringono con dolore ai familiari del sessantunenne. «Continueremo a contare i morti sino a quando la sicurezza nei cantieri grandi come in quelli piccoli o domestici, non sarà garantita. La rabbia che accompagna il dolore delle perdite non ci abbandonerà - sottolineano il segretario generale della Cgil di Catania, Carmelo De Caudo, e il segretario della Fillea Cgil, Vincenzo Cubito- sino a quando le vittime non saranno ridotte finalmente a zero». A Catania, nel solo settore edile, sono attivi 2253 imprese e ben 10714 operai distribuiti nei 3772 cantieri. 
 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: