Notizie locali
Pubblicità

Cronaca

La Regione perde la battaglia sul nome del "Bellininfest"

Il Tribunale di Palermo, ha emesso un'ordinanza dichiarando illegittima la denominazione di "proprietà" del mastro Enrico Castiglione

Di Redazione

E’ scontro a colpi di carte bollate sull'intitolazione di un Festival musicale al grande musicista e compositore catanese Vincenzo Bellini. Il Tribunale di Palermo, su ricorso del Bellini Festival, la manifestazione fondata a Catania nel 2009 dal maestro Enrico Castiglione, ha infatti emesso un’ordinanza cautelare dichiarando illegittima la denominazione del «Bellininfest» promosso dalla Regione Siciliana. «Nel caso di specie - scrive il giudice - le differenze tra il marchio utilizzato dalla regione e quello registrato da Castiglione e da quest’ultimo utilizzato per oltre dieci anni sono minime, quasi impercettibili dal punto di vista fonetico». 
 Secca la replica dell’assessore regionale Manlio Messina: «La Regione Siciliana e l’assessorato allo Spettacolo confermano l'impegno nella promozione della figura e delle opere di Vincenzo Bellini, genio della lirica e tra i massimi compositori mondiali». Per l’assessore, che annuncia ricorso, «la querelle giudiziaria vedrà doverosa, e speriamo rapida, definizione nelle sedi opportune». Ma, nelle more, nel rispetto della decisione del giudice, «l'assessorato provvederà al ritiro del nome "BellininFest» dal materiale divulgativo e promozionale dove è presente il logo, lasciando inalterato il ricco programma dell’evento in onore del Cigno». A partire, annuncia l'assessore, «da domani sera, quando al Teatro Massimo Bellini, andrà in scena 'Norma, che sarà trasmessa in diretta da Rai5».

Pubblicità

"Siamo stati costretti  - ha dichiarato il maestro Enrico CAstiglione - a convocare l'assessore Messina in Tribunale dove è stato affermato il pieno diritto della nostra Associazione che presiedo ad utilizzare in via esclusiva il marchio Bellini Festival, inibendo l’utilizzo del marchio illegittimamente utilizzato dalla Regione Siciliana e da tutti gli enti che hanno aderito a questo palese plagio». «Auspico che adesso possa iniziare - ha detto ancora il maestro Enrico Castiglione - una stagione più ragionevole e costruttiva nel nome di Vincenzo Bellini, che noi abbiamo riscoperto e portato avanti nel mondo fin dal 2009 quando tutti a Catania si erano dimenticati cosa e chi fosse. 


 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: