Notizie locali
Pubblicità

Cronaca

Lampedusa, ancora sbarchi e Musumeci invoca nuovi accordi con la Tunisia

Al via il trasferimento dei migranti dal centro di prima accoglienza, e appello del presidente della Regione: «L'Ue non sia ipocrita»

Di Redazione

Sono 1.085 i migranti ospiti dell’hotspot di Lampedusa, dopo il trasferimento sul pattugliatore Diciotti di 300 persone che raggiungeranno Crotone. Così come è già accaduto ieri con altri 300 che sono stati caricati sulla nave quarantena Azzurra che ha fatto da traghetto per Porto Empedocle. I migranti presenti nel centro di primissima accoglienza sono stati tutti già pre-identificati, di fatto pronti per essere trasferiti. Domani, circa 150 verranno imbarcati sulla nave quarantena Adriatico. Le condizioni del mare, intanto, sono date in peggioramento.

Pubblicità

E intanto il presidente della Regione invoca nuovi accordi con la Tunisia: «I numerosi sbarchi nelle ultime ore a Lampedusa impongono ancora una volta al governo nazionale nuovi e tempestivi accordi con i Paesi frontalieri, Tunisia in testa. E’ chiaro che non possono restare isolati sia i nostri sforzi, con i trasferimenti continui sulle navi quarantena (per garantire la salute anche di chi si trova nell’Isola) e sia l'incessante lavoro della nostra Guardia costiera. Servono interventi immediati! Chiediamo che di Lampedusa, porta d’Europa, Bruxelles non si occupi soltanto per l’esternazione, dopo ogni naufragio, di una solidarietà ipocrita, che dalle parole non approda mai ai fatti».

 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA