Notizie locali
Pubblicità

Cronaca

Le università italiane salgono in classifica, ma mancano quelle del Sud

Primato mondiale per La Sapienza in Classici e Storia Antica

Di Redazione

Con 55 nuovi posti in classifica rispetto allo scorso anno, 210 dei corsi classificati che mantengono la stessa posizione, 138 che scendono in classifica e 104 che salgono, il Sistema universitario italiano complessivamente sale nella dodicesima edizione del QS World University Rankings by Subjec messa a punto dagli analisti della formazione universitaria QS Quacquarelli Symonds, che fornisce un’analisi comparativa indipendente delle prestazioni di 15.200 programmi universitari individuali di 1543 università in 88 località del mondo, attraverso 51 discipline accademiche e cinque ampie aree. 
 In questa serie di classifiche, QS include 56 Università Italiane che ottengono 507 piazzamenti.

Pubblicità

L’Italia è la settima nazione al mondo per numero di posti in classifica, è la seconda a pari merito con la Svezia per avere un primato mondiale, ottenuto dall’università romana La Sapienza in Classici e Storia Antica, e la seconda a parimerito con la Francia per il numero di piazzamenti tra i top10 al mondo. Ha inoltre ha una media di posti in classifica per numero di Università di 9.1, appena superiore alla media EU di 8.7. Delle 56 Università Italiane in classifica, quattro sono new entry: l’Accademia Nazionale di Arte Drammatica di Roma Silvio d’Amico Arti dello spettacolo, l’Università della Calabria Fisica e astronomia, l’ Università degli Studi della Campania Luigi Vanvitelli Medicina, l' Università degli Studi «G. d’Annunzio» Chieti Pescara.

Le top-10 ovvero le dieci Università Italiane per numero di posti in classifica sono: Alma Mater Studiorum - Università di Bologna, La Sapienza di Roma, il Politecnico di Milano, l'Università di Milano, l’Università di Padova, il Politecnico di Torino l’Università di Pisa, l’Università Cattolica del Sacro Cuore, la Cà Foscari di Venezia e l’Università di Napoli 
 Federico II. 


 La Sapienza di Roma si conferma la migliore al mondo per gli Studi Classici & Storia Antica e la decima al mondo per Archeologia. Il Politecnico di Milano é l’altro ateneo Italiano con due dipartimenti classificati tra i primi dieci al mondo: Design (quinto) e Architettura (decimo). La Scuola Normale Superiore di Pisa sale di un posto in classifica per gli Studi Classici & Storia Antica (sesta al mondo). Tra le top 50 al mondo, oltre alla Sapienza, si classificano il Politecnico di Milano e di Torino, la Scuola normale superiore di Pisa, la Bocconi, l’Università di Milano, Tor Vergata a Roma, l'Università Guido Carli, l’Università Cattolica del Sacro Cuore, l’Alma Mater studiorum di Bologna e la Federico II di Napoli, ma a parte quest’ultima, sono assenti nella classifica gli atenei del sud. 


 A livello internazionale, le Università statunitensi sono in testa in 28 delle 51 materie classificate; l’Università di Harvard e il MIT rimangono gli atenei con le migliori prestazioni, classificandosi al primo posto in dodici materie. Tredici classifiche vedono in cima un’università britannica, con l'Università di Oxford in testa in sei di queste. L’ETH di Zurigo è la migliore università dell’Europa continentale, raggiungendo il primo posto in tre materie. Sulla base della sua quota di top-10, la Svizzera è il terzo miglior sistema universitario al mondo. L’Australia è il quarto paese più rappresentato per numero di posti in classifica. La Cina (continentale) è al quinto posto a livello globale per numero di programmi (100) che raggiungono una posizione top-50. Nessuna università ha un numero maggiore di top-50 dell’Università canadese di Toronto (46). Il sistema universitario giapponese è ancora in relativo declino dopo decenni di sottofinanziamenti per la ricerca e i dottorandi. 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA