Notizie locali
Pubblicità

Cronaca

Mafia, confiscati beni per 1,5 milioni di euro a imprenditore di San Giuseppe Jato

Passa allo Stato anche una proprietà acquistata a un’asta giudiziaria e poi rivenduta alla società agricola dell'uomo

Di Redazione


Confiscati beni per oltre 1,5 milioni di euro facenti capo a Ciro Gino Ficarotta, di San Giuseppe Jato (Palermo). L’operazione è stata condotta dalla Direzione investigativa antimafia (Dia), su decreto emesso dalla sezione Misure di prevenzione del tribunale di Trapani. Il sequestro era stato operato nel 2019 a seguito di una proposta avanzata dal direttore della Dia. 

Pubblicità

 Una proprietà, acquistata a un’asta giudiziaria e poi rivenduta alla società agricola riconducibile ai Ficarotta, è stata confiscata insieme a un’azienda agricola che si occupa di coltivazione di uva, costituita da beni strumentali sia immobili (a Santa Ninfa, tra cui un terreno di oltre 60 ettari) che mobili registrati, oltre che partecipazioni, depositi e conti correnti bancari. 

Il Tribunale di Trapani - a seguito delle risultanze investigative, corroborate anche dal contributo di alcuni collaboratori di giustizia - ha ritenuto sussistere "un adeguato compendio indiziario che ha consentito di accertare, a carico dei proposti, un giudizio di pericolosità sociale di tipo 'qualificatò, includendo gli stessi nelle categorie degli indiziati di appartenere all’associazione di tipo mafioso di cui all’art. 416 bis c.p.".

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: