Notizie locali
Pubblicità

Cronaca

Maria Grazia Cutuli e l'ultimo regalo a "Ossi di seppia" su RaiPlay

La giornalista catanese viene uccisa il 19 novembre di vent'anni fa in Afghanistan, quello stesso giorno sul Corriere della Sera esce il suo articolo.  "Non voglio tornare adesso. Ti chiedo un regalo per il mio compleanno, ti chiedo di restare qui": così  insiste con il vicedirettore Carlo Verdelli, che ora racconta quell'ultimo desiderio

Di Redazione

“Non voglio tornare adesso. Ti chiedo un regalo per il mio compleanno, ti chiedo di restare qui. Sto lavorando su una storia forte, un deposito di gas nervino in una base di Osama bin Laden.”

Pubblicità

La guerra in Afghanistan si annuncia lunga e Maria Grazia Cutuli ha completato il suo turno e deve rientrare in Italia. Il collega con cui darsi il cambio è pronto alla partenza. Ma, dopo diverse insistenze, ottiene da Carlo Verdelli, ai tempi vicedirettore del Corriere della Sera, di rimanere sul fronte per inseguire la sua ultima storia. Una richiesta determinata, dettata dalla profonda passione che Maria Grazia ha per il suo lavoro.

 

 

E’ il 19 novembre del 2001, quello stesso giorno sulle pagine del Corriere della Sera esce il suo articolo a termine della sua indagine. E’ l’ultimo pezzo. Maria Grazia viene barbaramente uccisa sulla strada da Jalalabad a Kabul, colpita alla schiena da colpi di pistola sparati da un gruppo di miliziani afgani. Insieme a lei muoiono i quattro colleghi che viaggiano nella stessa auto. Raggiunti dal commando armato, poi legati, presi a sassate e uccisi. Un agguato feroce. I cinque corpi martoriati vengono abbandonati al bordo della strada, una strada sterrata fatta di sassi e buche, spesso percorsa da convogli di giornalisti, ma terra di nessuno.

 

 

A raccontare dell’ultimo desiderio di Maria Grazia Cutuli è proprio Carlo Verdelli, voce narrante della settima puntata di "Ossi di Seppia, quello che ricordiamo", dal 16 novembre su RaiPlay. “La vera ragione per cui ho detto - sì resta - …è perché ho sentito che lì passava la sua felicità professionale e umana. E quindi, in un gioco impossibile, se tornassi indietro le ridirei di restare là e fare il pezzo sul gas nervino”.

 

 

Ossi di Seppia, quello che ricordiamo, la prima serie Tv non fiction dell’era post pandemia, prodotta da 42° Parallelo, è una esplorazione emozionale del passato che, in ventisei puntate e altrettanti eventi (che si avvalgono del repertorio tratto dalle Teche Rai e dagli archivi fotografici) ripercorre quei fatti che hanno caratterizzato la storia del nostro Paese, che hanno segnato le nostre vite e che rimarranno appunto… quello che ricordiamo.

 

 

 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA