Notizie locali
Pubblicità

Cronaca

Stretto, inaugurato il nuovo traghetto ma Falcone avverte: «L'unico orizzonte della Sicilia è il Ponte»

Il Sikania entra in servizio per conto di Bluferries e l'assessore regionale alle Infrastrutture rilancia: «Serve collegamento stabile»

Di Redazione

 

Pubblicità
E’ stata inaugurata al porto di Messina il "Sikania", la nuova nave traghetto di Bluferries, società controllata da Rete Ferroviaria Italiana che si occupa dei collegamenti per passeggeri e mezzi gommati nello Stretto di Messina.

 

La nave "Sikania" è un traghetto gemello del "Trinacria", in servizio dal 2019 sullo Stretto. L'imbarcazione è lunga 104 metri e larga 18, costruita in Grecia utilizzando moderne tecnologie che consentono di abbattere le emissioni di Co2 e ridurre il consumo di carburanti, lubrificanti e rifiuti pericolosi nel corso della navigazione.

 

 

«Questa nave non è un punto di arrivo ma una scommessa, che Bluferries e l'intero Gruppo Fs compiono sulla Sicilia, terra circondata dal mare, che ci impone di lavorare sui collegamenti, la logistica e le infrastrutture. In questo senso, da un lato plaudiamo al miglioramento dei servizi e ai meritori investimenti compiuti, dall'altro dobbiamo ribadirlo senza infingimenti: l'unico orizzonte e approdo possibile per la Sicilia rimane per noi il collegamento stabile fra l'Isola e la Calabria. Il Ponte sullo Stretto è l'opera che può trasformare la nostra Regione in una grande occasione di crescita per l'intero Mediterraneo, l'Europa e la mobilità internazionale» ha detto l'assessore regionale alle Infrastrutture Marco Falcone, intervenendo alla cerimonia, insieme all'assessore alle Infrastrutture della Regione Calabria, Domenica Catalfamo, l'amministratrice delegata e direttore generale di Rfi, Vera Fiorani, l'amministratore delegato di Bluferries, Giuseppe Sciumè, l'assessore del Comune di Messina, Dafne Musolino, e il vicesindaco di Villa San Giovanni, Maria Grazia Rechichi.

«Accogliamo questa innovativa nave con entusiasmo - ha aggiunto Falcone -e ci complimentiamo con tutti i protagonisti di una sfida che, tuttavia, non deve essere sostitutiva del volere della Sicilia e della Calabria, appunto il Ponte. Un'opera su cui ormai il consenso è ampio e trasversale e su cui, dunque, il governo Draghi deve esprimersi abbandonando certe remore ormai superate».

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: