Notizie locali
Pubblicità

Cronaca

Misteriosi ferimenti a Lentini: due fratelli fermati dalla polizia per tentato omicidio

Ancora irrisolto l'asalto di 7 persone in una sala da barba di via Conte Alaimo: forse una spedizione punitiva

Di Redazione

La polizia ha eseguito due fermi di indiziato di delitto per tentato omicidio nei confronti di due fratelli, facendo luce su uno dei due misteriosi ferimenti avvenuti ieri a Lentini.   Gli elementi che indicano che si potrebbe trattare di spedizioni punitive ci sarebbero tutti. Gli agenti del commissariato di polizia diretto dal vice questore aggiunto, Andrea Monaco, hanno avviato le indagini per chiarire i due episodi che si sono verificati in pieno giorno in due punti della città a distanza di pochi minuti l’uno dall’altro. Partendo dai 4 colpi di pistola calibro 7.65 esplosi in via Rossini, nel quartiere storico di S. Paolo fino al ferimento di un uomo colpito alla testa dal calcio di una pistola mentre si trovava seduto all’interno del salone di un barbiere di via Conte Alaimo. 

Pubblicità

Nel primo caso, un uomo giunto al Pronto soccorso con evidenti ferite riconducibili più ad un pestaggio che a colpi di arma da fuoco, avrebbe dichiarato ai medici di essere stato coinvolto in una sparatoria. Ora la polizia ha fermato due fratelli che avrebbero esploso almeno quattro colpi di pistola calibro 7,65 nei confronti della vittima che sarebbe stato sfiorato da due proiettili, alla mano e alla schiena. Medicato all’ospedale di Lentini l’uomo non è in gravi condizioni. 

 

L’altro caso sul quale gli agenti stanno lavorando riguarda un uomo che, seduto sulla poltrona all’interno del salone di un barbiere, sarebbe stato avvicinato da almeno 7 uomini armati di pistole e dopo le minacce è stata colpita con il calcio di una pistola alla testa. In questo caso gli investigatori ritengono che l'atto intimidatorio sia riconducibile alla gestione delle piazze di spaccio anche se non escludono nessuna pista e nemmeno che i due episodi possano essere legati.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA