Notizie locali
Pubblicità

Cronaca

Muore dopo caduta da impalcatura in via Acquicella: il saluto con gli scooter in ospedale

Francesco Castiglione, 38 anni, stava eseguendo dei lavori al secondo piano di un vecchio stabile in un'abitazione del figlio; pare che l'impalcatura fosse stata realizzata dalla stessa vittima

Di Concetto Mannisi

Ancora un incidente sul lavoro e ancora una vita spezzata. L’ennesima in questi torridi mesi estivi, in cui soltanto nel Catanese si è stato costretti a piangere almeno quattro persone. La tragedia si è verificata ieri mattina, in via Acquicella, su una impalcatura che, stando alle informazioni raccolte nell’immediatezza dei fatti, sembra fosse stato approntata senza autorizzazione alcuna. Perché in questa città, purtroppo, può accadere anche questo.

Pubblicità

A perdere la vita è stato colui il quale, a quanto pare, tale impalcatura aveva realizzato: Francesco Castiglione, trentotto anni, persona assai conosciuta in questa parte della città. Stava ristrutturando la casa del figlio, al secondo piano di un vecchio stabile, quando per motivi in via di accertamento ha perduto l’equilibrio ed ha fatto un volo di svariati metri, cadendo pesantemente al suolo. I soccorsi sono stati immediati e Castiglione è stato trasportato al pronto soccorso dell’ospedale San Marco. Qui, però, si è capito ben presto che per lui ci sarebbe stato ben poco da fare. Per lo strazio dei parenti, che non riuscivano e non riescono ancora oggi a darsi pace per quanto accaduto.

La notizia del grave incidente si è sparsa a macchia d’olio ad Acquicella, a San Cristoforo, al Pigno e a Librino. E col passare del tempo una folla di giovani in ciclomotore, in stile “Gomorra” e alla presenza di più volanti della polizia - c’è chi giura di avere contato almeno una cinquantina di mezzi e probabilmente un centinaio di persone - si è recata all’ospedale San Marco per avere notizie del Castiglione o per porgere l’ultimo saluto alla vittima. Fatti, questi ultimi, che hanno turbato chi era estraneo all’episodio e che hanno rallentato i lavori di pronto soccorso generale e ostetrico. Solo dopo parecchio tempo si è tornati alla normalità. 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: