Notizie locali
Pubblicità

Cronaca

Notte di Ferragosto: ordinanze disattese tra balli in spiaggia, attendamenti e fuochi d'artificio

Tutto sommato la notte è trascorsa in sicurezza sui litorali dell'Isola a parte quale rischioso assembramento

Di Redazione

Come era prevedibile le tante ordinanze sindacali emesse dai primi cittadini di quasi tutta la Sicilia per evitare pericolosi assembramenti sulle spiagge nella notte di Ferragosto sono state disattese dappertutto. Nell'ultima calda notte spiagge, arenili, discese a mare, sono stati letteralmente presi d'assalto da migliaia e migliaia di giovani e meno giovani per la festa clou dell'estate.

Pubblicità

Le forze dell'ordine hanno fatto quello che era nelle loro possibilità, ma nulla hanno potuto di fronte alla gran massa di persone che si è presentata nei litorali più amati dell'Isola armata di cibo, bevande, tende, musica. In alcuni stabilimenti balneari poi la notte è stata animata da feste e fuochi d'artificio (anche questi dovevano esser vietati) , ma nonostante gli affollamenti tutto si è svolto con un certo ordine e cercando di rispettare nei limiti del possibile regole basilari come il distanziamento.

Certo, la mascherina anche all'aperto reintrodotta dall'ultima ordinanza di Musumeci sino al 16 agosto  nei luoghi turistici particolarmente frequentati, non si è vista tanto in giro tranne che in qualche sporadico caso, ma anche su questo provvedimento nella notte più lunga dell'estate era difficile fare controlli. Che ci sono stati, ma non sono stati invasivi  e punitivi, si è badato soprattutto al fatto che la notte trascorresse in relativa sicurezza.

 

 

Rimane la speranza di non pagare caro gli assembramenti che inevitabilmente nella notte si sono verificati tra alcol, euforia, balli e qualche falò acceso di nascosto nonostante le ordinanze.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA