Notizie locali
Pubblicità

Cronaca

Omicidio di mafia alla Zisa, si è costituito il killer di Incontrera

L'assassino, a volto scoperto, era stato ripreso dalle telecamere

Di Redazione

Si è costituito ai carabinieri l'assassino di Giuseppe Incontrera, pregiudicato assassinato per strada giovedì scorso nel quartiere Zisa a Palermo. L’uomo, incastrato dalle videocamere della zona, che hanno ripreso il delitto, avrebbe confessato l’omicidio. L’indagine è coordinata dalla Dda di Palermo guidata dall’aggiunto Paolo Guido. L’uomo è Salvatore Fernandez, 49 anni. Il presunto killer abitava vicino a casa della vittima, uccisa con tre colpi di pistola in pieno giorno per strada, giovedì scorso, a Palermo. Otto anni fa Fernandez era stato coinvolto nell’operazione antidroga «Horus» che aveva al centro lo spaccio nel quartiere Zisa, dove giovedì è avvenuto il delitto. L'uomo è stato portato nel carcere Pagliarelli. La procura, coordinata dall’aggiunto Paolo Guido, ha disposto il fermo con l'accusa di omicidio. 

Pubblicità

Nel video si vede il killer, armato, a volto scoperto, che tallona la vittima che si sposta in bicicletta. L’uomo spara un primo colpo e Incontrera prosegue cercando di fuggire. Un seconda colpo di pistola lo raggiunge alla spalla e lo fa cadere a terra. Il killer finisce sopra il cadavere, poi si rialza e prosegue la sua corsa. Secondo gli inquirenti il delitto sarebbe di matrice mafiosa e sarebbe maturato nell’ambito di contrasti sul traffico di droga nel mandamento di Porta Nuova in cui Incontrera avrebbe assunto un ruolo di spicco. 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: