Notizie locali
Pubblicità

Cronaca

Ondata di calore anche in Sicilia: Catania e Palermo col "bollino arancione"

Italia nella morsa del caldo. Nel week end si respira ma da domenica tornano le temperature vicine ai 40 gradi 

Di Redazione

Aumenta la morsa del caldo sull'Italia. Domani, giovedì, bollino rosso, allerta di livello 3, per Bologna, Bolzano, Firenze e Perugia; bollino arancione, allerta di livello 2, per Ancona, Brescia, Campobasso, Catania, Milano, Palermo, Pescara, Rieti, Trieste e Verona.

Pubblicità

E’ quanto emerge dall’ultimo aggiornamento del bollettino delle ondate di calore del ministero della Salute.

Per venerdì le città da bollino rosso salgono a 7: a Bologna, Bolzano, Firenze e Perugia si aggiungono Campobasso, Pescara e Rieti. Nelle prossime 48 ore, nessuna delle 27 città monitorate dal bollettino sarà verde. 

L’ondata di calore in corso, secondo Giorgio Bartolini, previsore del Consorzio Lamma-Cnr e meteorologo Amro, «avrà il suo clou tra mercoledì e giovedì, con le temperature che potranno superare i 40 gradi nelle zone interne della Sardegna e a Sudest (principalmente in Puglia, Basilicata, Calabria Ionica e Sicilia interna). Giovedì sarà il giorno più caldo anche al Nord dove domani si avranno tra i 35 e 38 gradi. Sabato si dovrebbe registrare un calo di 3-4 gradi che, sia pure non eccezionale, contribuirà a far respirare gli italiani. Questa diminuzione sarà però solo temporanea perché tra domenica e lunedì le temperature potrebbero risalire, con valori anche più alti rispetto a quelli di mercoledì e giovedì». La probabilità di precipitazioni, nota Bartolini, sarà piuttosto alta solo domani e giovedì al Nord e sulle Alpi e Prealpi. Nei giorni successivi si potranno avere isolati temporali nelle pianure del Nord e tra Liguria e Alta Toscana. 
 Le temperature, in particolare, secondo il meteorologo de iLMeteo.it Lorenzo Tedici, dovrebbero far registrare picchi di 43 gradi in Puglia, 41/42 a Caltanissetta ed Oristano, 40 a Cosenza, 38 a Firenze, 37/38 a Bologna, Ferrara e Terni, portando a nuovi record per il mese di giugno. E la durata dell’anticiclone Caronte sarà da primato, dato che attraverserà il Mediterraneo con la sua vampata calda verso l'Italia per almeno 10 giorni. 
L’Italia non è l’unico Paese ad essere nella morsa del caldo: in Spagna l’ondata di calore iniziata l’11-12 giugno e terminata il 18 , è stata la più intensa registrata tra quelle iniziate prima del 15 giugno, rende noto l’Agenzia Statale di Meteorologia (Aemet). Record per il 17 giugno più caldo mai registrato. In Francia sabato scorso punte di 42-43 gradi. 
 Intanto l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha lanciato una app per l’esposizione sicura al sole, la SunSmart Global UV in grado di indicare, ovunque ci si trovi, il livello di raggi ultravioletti e le misure da adottare per aiutare le persone a proteggersi dal sole sia al lavoro sia nel tempo libero.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA