Notizie locali
Pubblicità

Cronaca

Palagonia, minaccia di far esplodere la casa per uccidere la moglie: arrestato

La donna, sposata da 50 anni, ha sempre subito le angherie e le violenze del coniuge fino alla denuncia dei giorni scorsi

Di Redazione

Picchiava la moglie, in una occasione l'ha pure accoltellata e minacciava spesso di ucciderla, diceva che avrebbe fatto saltare in aria la casa con lei dentro. Ma stavolta la donna ha denunciato le violenze commesse dal marito ai carabinieri della Stazione di Palagonia che hanno arrestato l'uomo, un 74enne del posto, con l'accusa di maltrattamenti in famiglia e lesioni personali.

Pubblicità

I militari sono accorsi alle ore 23 nell'abitazione della coppia da dove poco prima era partita la telefonata di una donna al 112 che aveva avvertito l’operatore degli intenti omicidiari del marito. In effetti i militari, appena arrivati, hanno trovato una 68enne atterrita e in compagnia del nipote minorenne che ha raccontato che il marito in preda ai fumi dell’alcol era andato per l’ennesima volta in escandescenze e che, inveendo contro di lei, come udito personalmente anche dai Carabinieri intervenuti, minacciava di far esplodere l’abitazione: «… ti ammazzo, ammazzo a tutti!!! …», gridava l'uomo. Poi fermato dai carabinieri dopo che si era rintanato in una stanza.

La moglie ha riferito ai militari di essere sposata da circa 50 anni e che da sempre il marito ha avuto nei suoi confronti un comportamento aggressivo, diventuo sempre più violento nel tempo a causa anche dell'abuso di alcolici dell'uomo, ma di non averlo mai denunciato per paura di subire ulteriori violenze, come quando lo scorso 11 novembre l'aveva accoltellata sol percgé era stato invitato a bere di meno.

L’uomo, in particolare, era salito al piano superiore dell’abitazione per prelevare 2 dei 43 coltelli che custodiva, adesso comunque sequestrati dai Carabinieri, con l’intento di accoltellare all’addome la moglie la quale, istintivamente, aveva parato il colpo rimanendo ferita ad una mano ma riportando poi falsamente ai medici del pronto soccorso dell’ospedale di Caltagirone, che le hanno dato una prognosi di 12 giorni, di essersi accidentalmente infortunata cadendo dalle scale.

Espletate le formalità di rito, l’uomo è stato collocato in stato d’arresto presso una struttura protetta della provincia.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: