Notizie locali
Pubblicità

Cronaca

Spara a una donna, panico in un residence a Palermo: tre feriti

Alla scena hanno assistito diversi residenti del residence che hanno lanciato oggetti contro l’uomo che ha aperto il fuoco

Di Redazione

Colpi di pistola in via dell’Airone, nel quartiere Falsomiele a Palermo, in un residence, al civico 5. Tre persone sarebbero ferite. E'  intervenuta la polizia. Tre ambulanze hanno trasportato i feriti negli ospedali Civico e Policlinico. Pare che la vittima designata della sparatoria fosse una donna, ferito anche un cugino che sarebbe intervenuto in suo soccorso. Alla scena hanno assistito diversi residenti del residence che hanno lanciato oggetti contro l’uomo armato, colpendolo e ferendolo. 

Pubblicità

Secondo quanto si apprende, l'uomo, cinquantenne, sarebbe arrivato nel residence armato di pistola con il silenziatore, sparando alle gambe della donna di 49 anni. Tra i due ci sarebbe stata una relazione in passato. In soccorso della vittima è arrivato un cugino di 24 anni, anche lui sarebbe stato raggiunto da alcuni colpi, riportando una ferita al femore.

Alcuni testimoni, sentendo le urla della donna e gli spari, avrebbero accerchiato l’aggressore, picchiandolo alla testa, al torace e alle gambe. I sanitari del 118 e gli agenti di polizia delle volanti lo hanno trovato privo di sensi. Proprio l’aggressore sembra avere avuto la peggio, è l’unico ricoverato nell’ospedale Civico con la prognosi riservata e con gravi traumi ed è piantonato. Per eseguire la Tac è stato accompagnato da alcuni poliziotti.

La donna ha delle ferite alle gambe, così come il cugino. Sono stati ricoverati in chirurgia per essere sottoposti a un intervento chirurgico. Gli agenti della squadra mobile stanno sentendo i testimoni. 


E’ stato invece arrestato con l’accusa di tentativo di omicidio Giuseppe Napoli, l’uomo di 49 anni che ieri ha sparato contro la ex e il cugino di lei. Napoli si trova piantonato all’ospedale Civico. Per lui come detto la prognosi è riservata.  
 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: