Notizie locali
Pubblicità

Cronaca

Provocarono incendio sul Monte Pellegrino con i fumogeni: indagati 13 tifosi del Palermo

Il rogo durò circa 24 ore minacciando alcune abitazioni e le antenne televisive; per spegnere le fiamme fu necessario anche l’impiego dei Canadair

Di Redazione

Durante la partita Palermo Avellino dello scorso 23 maggio scorso allo stadio Barbera, un gruppo di tifosi accesero dei fumogeni sul Montepellegrino che domina l'impianto innescando un vasto incendio. Il rogo durò circa 24 ore minacciando alcune abitazioni e le antenne televisive; per spegnere le fiamme fu necessario anche l’impiego dei Canadair (costo circa 30 mila euro). Adesso i poliziotti della Digos e i forestali della Regione Siciliana, coordinati dalla procura, sono riusciti a identificare i 13 tifosi, in gran parte appartenenti agli «Ultras curva sud», che avrebbero appiccato l'incendio. A tutti è stato notificato oggi un avviso di conclusione indagini, spesso preludio del rinvio a giudizio.

Pubblicità

Alcuni di questi tifosi non potevano neanche assistere agli incontri sportivi a causa del Daspo a cui erano sottoposti. Per cinque indagati sono scattate anche perquisizioni e il sequestro dei cellulari. Gli ultras non potranno più accedere allo stadio per i prossimi anni, essendo stati raggiunti da provvedimenti Daspo emessi dal questore di Palermo Leopoldo Laricchia. Nei confronti dei recidivi è stato anche disposto l’obbligo di comparizione negli uffici di polizia durante gli incontri sportivi del Palermo calcio. 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA