Notizie locali
Pubblicità

Cronaca

Ravanusa, Giuseppe e Selene: una coppia di futuri genitori tra i dispersi

Erano andati a trovare i genitori di lui (la madre è stata già recuperata priva di vita). Erano tra gli occupanti dell'appartamento del terzo piano della palazzina esplosa

Di Redazione

Una coppia ancora giovane, con tanti progetti di vita davanti e da realizzare. E si spera, ancora, che possa essere così per Giuseppe Carmina e la moglie Selene Pagliarello che risultano tra i sei dispersi nella tragedia avvenuta ieri sera a Ravanusa, dove la palazzina in cui la coppia si trovava, è praticamente "esplosa" per una probabile, ma verifiche sono ancora in corso, fuga di gas del metanodotto. Giuseppe e Selene, lei di professione infermiera e incinta di nove mesi, erano andati a trovare i genitori di lui, Angelo Carmina che risulta disperso e la moglie Enza Zagarrio che è stata trovata morta. I due abitavano al terzo piano della palazzina crollata mentre negli altri piani, quattro in tutto, vivevano altri parenti.

Pubblicità

Giuseppe e Selene, così come testimoniano i loro profili social, si erano sposati alcuni mesi fa. Foto che raccontano di un amore intenso, fresco come i loro sorrisi e che, a breve, sarebbe stato ulteriormente allietato dall'arrivo, non si sa se di un bimbo o di una bimba. Per i dispersi c'è grande apprensione; i vigili del fuoco hanno lavorato e stanno continuando a lavorare anche a mani nude, nella speranza di poter restituire alla vita altre persone ancora sotto le macerie. Finora le uniche ad avere avuto la fortuna della salvezza sono state una zia di Giuseppe, Rosa Carmina e la cognata di quest'ultima Giuseppa Montana. Per tutti gli altri si spera, si spera ancora.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA