Notizie locali
Pubblicità

Cronaca

Riabilitazione "regno" dei privati, Razza: «Più performanti»

In Sicilia il 63% delle cure di riabilitazione, nel 2021, sono state effettuate da strutture private, il 29% da quelle pubbliche

Di Redazione

PALERMO- In Sicilia il 63% delle cure di riabilitazione, nel 2021, sono state effettuate da strutture private, il 29% da quelle pubbliche. E’ diminuito il numero di pazienti che si è rivolto a strutture extra-regionali, con un risparmio per la sanità di 12 milioni di euro. E’ quanto emerge dall’analisi sulla mobilità passiva effettuata da Kpmg su dati della Regione siciliana, presentata stamani in conferenza stampa a Palazzo Orleans dall’assessore regionale alla Sanità Ruggero Razza e dal dirigente generale Mario La Rocca. "Su questo dato dobbiamo riflettere - ha detto Razza - non si può fare a meno del rapporto d’integrazione tra pubblico e privato; perché ci sono alcune attività che il sistema pubblico svolge con maggiore efficace rispetto al privato, uno su tutto il sistema di emergenza che è di altissimo valore. Ci sono invece altre attività maggiormente performanti rese dal soggetto privato come per la riabilitazione, questo lo dobbiamo sottolineare perché quando si va fuori regione per la maggior parte dei casi si va da un soggetto di diritto privato. Dobbiamo smetterla di demonizzare l’idea che ci sia scontro uno ideologico tra sanità pubblica e privata».
 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: