Notizie locali
Pubblicità

Cronaca

Rifiuti, sì del Tar a un impianto di trattamento di A2A che era stato bloccato dalla Regione

Si tratta della piattaforma per il recupero della frazione organica dei rifiuti urbani nel Comune di San Filippo del Mela, nel Messinese

Di Redazione

I giudici del Tar Palermo presieduti da Salvatore Veneziano (Maria Cappellanno estensore, Francesco Mulieri, referendario) hanno accolto il ricorso presentato da A2A Energiefutures Spa, assistito dagli avvocati Massimiliano Mangano, Claudio Vivani e Elisabetta Sordini, e annullato il provvedimento con il quale l’assessorato regionale al Territorio Ambiente aveva negato la realizzazione di un nuovo impianto di trattamento e recupero della frazione organica dei rifiuti urbani nel Comune di San Filippo del Mela (Me).

Pubblicità

Alla società leader in Italia di produzione di energia e gestione dei rifiuti era stata bocciata la valutazione di impatto ambientale per costruire un impianto di trattamento e recupero della frazione organica dei rifiuti urbani per 75.000 tonnellate anno e produzione di biometano da immettere in rete e di compost per gli usi agricoli. L’impianto è previsto nell’interno del perimetro dell’esistente centrale nel Comune di San Filippo del Mela, in una zona per «insediamenti industriali». 
 «Le note adottate dalla Srr - scrivono i giudici - possono essere interpretate, organicamente e nel loro complesso, nel senso che non sussistono ostacoli alla realizzazione dell’impianto privato, tenuto conto del resto sia dall’esplicito nulla osta rilasciato in seno alla nota di chiarimento del 22 gennaio 2021; sia, della circostanza per cui la Commissione tecnica specialistica (Cts), nel rendere il parere negativo finale, non ha comunque tenuto conto di quanto esposto dalla SRR con la suddetta nota, la quale pone sostanzialmente in una linea di continuità (e di chiarimento)». 

«Il nuovo impianto - prosegue il Tar - è stato dimensionato tenendo conto dei fabbisogni di trattamento della frazione organica da raccolta differenziata della provincia di Messina (estendendo eventualmente il bacino di utenza alle province limitrofe, Catania, Enna e Palermo) stimati al 2023 a partire dai dati ISPRA e secondo le ipotesi formulate nel Piano Stralcio della Regione Siciliana per la gestione integrata del ciclo dei rifiuti . Con riferimento al trattamento e recupero dell’umido i piccoli Comuni potrebbero trovare giovamento dalla realizzazione di impianti di prossimità e comunità. Le provincie di Siracusa, Messina, Trapani ed Enna sono sprovviste del tutto di impianti per la frazione umida. Tutte le provincie, con la sola eccezione di Catania, dispongono di un’impiantistica del tutto insufficiente con la conseguenza, che anche per la frazione umida proveniente dalla raccolta differenziata, si percorrono centinaia di chilometri per il conferimento negli impianti molti dei quali operano al limite di capacità. Sebbene il diniego di Via non si basi sull'assenza di tale nulla osta, lo stesso dovrà comunque essere acquisito in sede di rinnovata istruttoria, in quanto l’area su cui dovrà sorgere l’impianto è inclusa nel sito di interesse nazionale, con il citato decreto ministeriale 11 agosto 2016». 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: