Notizie locali
Pubblicità

Cronaca

Scarica da un'Ape materiale di risulta: mezzo sequestrato e multa da 3.700 euro

L'uomo, un catanese di 46 anni, è stato colto in flagranza dalla Polizia Locale in via Palazzotto

Di Redazione

La Polizia Locale di Catania ha colto in flagranza G.G., cittadino catanese di anni 45, che dal cassone di una moto Ape da lui stesso condotta, aveva depositato due grandi sacchi di plastica contenenti materiale di risulta proveniente da demolizione presso il cumulo di rifiuti in via Palazzotto. Dai controlli effettuati sul mezzo, gli agenti hanno verificato che il cassone dello stesso era colmo di circa 3 metri cubi di materiale di diverso tipo, composto da rifiuti speciali, pericolosi e non, della presenza del quale il trasgressore si è giustificato dichiarando che il conferimento lo stava effettuando per conto di un soggetto terzo, del quale non conosceva le generalità, che lo aveva retribuito con la somma di 50 euro per smaltire i rifiuti. Per questi motivi, la moto Ape è stata posta sotto sequestro preventivo e l’autista denunciato a piede libero Inoltre la stessa persona è stata sanzionata per il trasporto illecito di rifiuti e abbandono di rifiuti sulla pubblica via con verbali amministrativi per un totale di 3.700 euro. Infine, poiché il veicolo è risultato privo di copertura assicurativa e di revisione multipla, il conducente, che era anche privo di patente di guida, è stato sanzionato ai sensi del Codice della strada con verbali amministrativi dell’importo totale di 6.302,00 euro.

Pubblicità

I controlli sul conferimento dei rifiuti solidi urbani – che negli ultimi giorni hanno determinato la contestazione di circa 150 verbali in via Palazzotto e nel quartiere di Picanello – su indirizzo politico dell’assessore all’ecologia Andrea Barresi e disposizioni del Comandante del Corpo Stefano Sorbino, proseguiranno e intensificati con pattuglie del nucleo Ambientale che vigileranno anche sui nuovi quartieri interessati dalla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA