Notizie locali
Pubblicità

Cronaca

Terreni per i pascoli “espropriati” con botte e minacce, arrestata famiglia di allevatori

Imponevano ad alcuni proprietari terrieri di far entrare le loro mandrie nei loro appezzamenti

Di Redazione


Imponevano ad alcuni proprietari terrieri il pascolo delle loro mandrie nei loro terreni. I carabinieri della Compagnia di Barcellona Pozzo di Gotto (Messina) hanno arrestato quattro allevatori di Montalbano Elicona, rispettivamente padre, due figli e un nipote, ritenuti responsabili in concorso di estorsione e lesioni aggravate. Si tratta di Giovanni Fiore, 50 anni, Franco Fiore, 47 anni, Antonino Fiore, 28 anni, tutti destinatari di ordinanza di custodia cautelare in carcere, e del 79enne Antonino Fiore, agli arresti domiciliari. I quattro avrebbero aggredito e minacciato di morte due proprietari terreni di Montalbano Elicona per appropriarsi dei loro terreni e utilizzarli per il pascolo abusivo delle loro mandrie.  

Pubblicità

Le indagini, coordinate dal sostituto procuratore Carlo Bray e dal procuratore della Repubblica di Barcellona Pozzo di Gotto Emanuele Crescenti,  hanno preso il via da due denunce di aggressione presentate il 7 febbraio da una donna e da un allevatore del luogo, entrambi proprietari di terreni.

I Fiore avrebbero aggredito, con calci e pugni, l’allevatore, tentando anche di colpirlo con un coltello e, brandendo un’ascia, lo hanno minacciato di morte qualora non se ne fosse andato dal proprio terreno. L’uomo ha riportato 10 giorni di prognosi per le lesioni al volto. Non contenti, sempre nella giornata del 7 febbraio, avrebbero aggredito anche una donna di Montalbano Elicona e, anche in questa occasione, l’avrebbero minacciata con un’ascia imponendole di abbandonare il proprio terreno. 
 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA