Notizie locali
Pubblicità

Cronaca

Tina Montinaro, la vedova del caposcorta di Falcone: «Orgogliosa delle scelte di mio marito»

LA presidente di “Quarto Savona 15”: «Antonio non ha pensato di avere due bambini in casa ma ha pensato di dovere difendere il magistrato che scortava e l’intero Paese» 

Di Redazione

«Io sono orgogliosa di mio marito, orgogliosissimaa di essere la vedova di Antonio Montinaro che ha scelto fino all’ultimo di stare accanto a Giovanni Falcone». Lo ha detto Tina Montinaro, vedova del caposcorta di Giovanni Falcone, Antonio Montinaro, morto nella strage di Capaci insieme al magistrato, a margine di una manifestazione organizzata al Foro Italico di Palermo dall’associazione «Quarto Savona 15» da lei presieduta.

Pubblicità

Una sfilata di barche a vela davanti al lungomare, con le foto delle vittime dell’attentato. «Mio marito aveva fatto un giuramento - ha aggiunto la vedova Montinaro - e per senso del dovere, non essendo vigliacco, ha portato la sua missione fino in fondo, non ha pensato di avere due bambini in casa ma ha pensato di dovere difendere il magistrato che scortava e l’intero Paese». 

Alla manifestazione ha partecipato anche Emanuele Schifani, figlio di un altro agente di scorta, Vito Schifani, e di Rosaria Costa, la vedova che dal pulpito della chiesa di San Domenico invitò i mafiosi a inginocchiarsi e a chiedere perdono, che aveva quattro mesi quando il padre fu trucidato e oggi è capitano della Guardia di Finanza. 

L'associazione «Quarto Savona 15»  porta il nome dell’auto di scorta del giudice Falcone sulla quale viaggiavano i tre agenti morti nell’attentato di Capaci. Da anni Tina Montinaro porta in giro per l'Italia i rottami di quella vettura dilaniata dal tritolo per tenere viva la memoria. Alla manifestazione odierna hanno partecipato esponenti della Polizia di Stato, con il questore di Palermo Leopoldo Laricchia, il sottosegretario all’Interno Nicila Molteni e alcuni familiari di vittime della mafia. La sfilata delle barche è stata accompagnata dal suono delle sirene e dall’inno nazionale suonato da una fanfara.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA